Non se ne perde una

 

 

Un count-down verso la Svezia. La voglia è quella di un Under alle prime esperienze. La realtà, ben mascherata non è sicuramente una carta d’identità da anni ’90.Giovanni con che spirito viaggi verso la Svezia?

 

Come dici bene l’età non e’ da ventenne ma lo spirito si, parto con l’obiettivo di divertirmi e dell’aggiungere al mio tassello della vita quotidiana e sportiva un’altra nuova esperienza: non posso dire che mi faccia maturare, ma sicuramente mi arricchisce di ciò che ancora mi mancava personalmente e sportivamente. Avevo visitato anni fa’ i paesi nordici ma la Svezia mi mancava e poi sportivamente non mi era mai capitato di partecipare ad un torneo internazionale: e visto nella vita si dice mai dire mai, ecco che grazie agli amici dell’ Ymca Siderno, si realizza un altro sogno. riuscire a confrontarmi, alla mia “tenera” eta’ di 46 anni con altri team europei:tutto questo mi mi esalta e mi porterà a capire fin quanto potrò ancora calcare il parquet.

 

Come è nata questa sinergia tra Siderno ed il duo Crucitti-Santucci?


Con l’Ymca Siderno, c’e’ stato da sempre un ottimo rapporto di amicizia: la mia partecipazione al torneo svedese e’ avvenuto casualmente, mi trovavo a Siderno ad arbitrare Ymca-Castrovillari di serie d e durante la fasi pre partita si chiacchierava del piu’ e del meno con Carlo Sgarlato: lo stesso mi parlo’ di questo torneo in Svezia, io al sol pensiero navigavo con la mente e scherzosamente gli dissi:”Carlo c’e’ un posto per me?” e Carlo con entusiasmo mi disse che per me un posto lo avrebbe trovato solo se gli avessi promesso di fare di tutto per battere la germania, Io annui’ ed ora eccomi qui a sognare la Svezia.
Con Pasquale Crucitti anche se abbiamo giocato da sempre in squadre diverse, a fine stagione ci riuniamo ed insieme componiamo una squadra per partecipare a tutti i tornei estivi che si organizzano in zona e se questo duo ancora esiste, immaginerai il perche’: riusciamo a vincerli tutti o quasi, quindi assieme cercheremo di portare bene e far ben figurare la societa’ dell’Ymca Siderno in rappresentanza della nostra penisola.

 

Nella passata stagione il livello non era assolutamente male.Ne hai sentito parlare?


L’anno scorso ho saputo che il torneo che andremo a disputare in Svezia, fu organizzato qui in italia, proprio dal Siderno: mi hanno detto che e’ stata una bella manifestazione ed il livello tecnico non era per niente male.I team partecipanti, la Germania, la Svezia, la Finlandia avevano elementi di tutto riguardo e le stoppate fioccavano a piu’ non posso: credo che oltre alla mia esperienza sotto canestro dovro’ mettere in atto la mia arma migliore: “il gancio alla Santucci”.

 

Csi.Ho assistito con piacere alla tua semifinale contro la Diego Suraci di Pellaro.Una gara avvincente ecombattuta.E’ questo a tuo avviso il futuro per i campionati amatoriali?

Devo dire che quest’anno non me ne sono persa una(Ha iniziato l’attività alla Botteghelle in C Regionale,ha arbitrato svariati campionati regionali ed ha ultimato la stagione,vincendo il campionato alla Kleos Lazzaro in Promozione), non ultima questa esperienza nel campionato Csi.

Diciamo che e’ stato un campionato di buon livello, con squadre composte da buoni elementi e con alcuni team che praticano una discreta pallacanestro: c’e’ da evidenziare che e’ sempre un campionato amatoriale dove anche se l’agonismo la fa da padrona la posta in palio non e’ altissima se non andare a disputare le finali nazionali. e’ un campionato molto diverso da quelli organizzati dalla Fip dove il gioco e’ mirato al raggiungimento dei play off o per evitare eventuali retrocessioni. L’unica cosa super positiva e’ che con il Csi dai la possibilita’ di giocare a tutti gli amanti della pallacanestro a costi notevolmente bassi mentre come ben sappiamo, tranne che per il campionato di promozione, i costi di gestione per le Societa’ che disputano la D o la C regionale sono esosi.

Non credo che il Csi possa essere un antagonista ai campionati Fip: chi gioca per diletto o per professione mira il proprio obiettivo a qualcosa di piu’ concreto e cioe’ il salto di categoria cosa che il Csi non ti permette.Vi saluto perche’ devo ancora preparare borsone e la  valigia ed in questo sono molto meticoloso(ferro da stiro compreso)..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons