PALL.VIOLA E DAVIS VERSO IL MATRIMONIO: SABATO ALLE 17 AMICHEVOLE IN CASA DELL’ORLANDINA

Si allena ed inizia a fare sul serio la Pallacanestro Viola.

Il tempo stringe e la prima di campionato, programmata per domenica 2 ottobre alle ore 18.30 al PalaCalafiore si avvicina sempre di più.

Mentre prosegue la campagna abbonamenti, i reggini sono pronti a tesserare l’italo-americano Davis.

Giambattista Davis, atleta con esperienze in Ncaa Division 1 a Buffalo è un’ala piccola che dovrebbe, come il suo collega Bischetti, aver superato il periodo di prova alla corte di Coach Bolignano pronto per intraprendere una nuova ed intrigante esperienza nel campionato nazionale di Serie B.
Davis vanta esperienze anche nel basket italiano nel campionato di C Gold veneta.

La prima avversaria sarà la forte Mestre dove gioca l’ex Scuola di Basket Viola Arsenjie Stepanovic.

L’ala piccola titolare: la società ed il Gm Giuse Barrile sono molto attenti sugli sviluppi di diverse e significative uscite dalla Serie A, dunque, si partirà probabilmente così ma il roster non è ancora completo.

Sempre più lontano Kenneth Viglianisi vicino alla firma per Brescia. Tommaso Raspino è un nuovo giocatore di Sassari, Morgillo si è accordato con Mantova ma i giocatori in lizza per il ruolo di ala, potrebbero essere ancora diversi.

Sabato alle ore 17,invece, è previsto il primo vero test della stagione contro i pari-categoria e girone dell’Orlandina Basket, stella del basket meridionale che venne allenata anche agli ultimi due Coach della Nazionale Azzurra,Sacchetti e l’attuale Pozzecco che può vantare sull’estro di atleti fuori-categoria come Daniele Sandri o gli ex Viola Marco Passera e Patrick Baldassarre.

La gara si giocherà in terra Paladina al Palafantozzi, impianto intitolato, in vita, ad un altro ex di entrambe le società, il mito degli anni ’80 e ’90 Alessandro Fantozzi.

I siciliani non nascondono l’obiettivo di un pronto ritorno nel basket che conta e stanno lavorando forte per poter recuperare l’estro del proprio capitano, il reggino, Matteo Laganà.

Show Buttons
Hide Buttons