PALLACANESTRO VIOLA, QUINTA SCONFITTA CONSECUTIVA:VINCE MOLFETTA

Un vero e proprio incubo sportivo fatto di sfortune e di, un’inferiorità che si palesa di partita in partita.

Quinta sconfitta consecutiva per il progetto Pallacanestro Viola.

Accanto alla progettualità societaria crescente, ad ambizioni di Serie A, dichiarate con semplicità e concretezza dal Presidente Carmelo Laganà arrivano i risultati del campo, davvero difficili da digerire.

Le attenuanti, ci sono, e sono permeanti.

Giocare senza Mascherpa questo scontro diretto contro la meritevole Molfetta, senza Mascherpa Sebrek nel match precedente nel derby di Catanzaro e senza Gobbato e Genovese nella gara di Molfetta sono dei fatti inconfutabili.

La squadra, però, non sta assolutamente reagendo sciogliendosi “come neve al sole “quando conta nonostante l’impegno, massimo e capace di un Domenico Bolignano che non sa più cosa inventarsi per fare reagire questo gruppo dove, probabilmente, più di un elemento non è pronto per questi livelli.

La sfida: Coach Bolignano recupera Sebrek e manda in campo il doppio play con Barrile e Roveda, Gobbato accanto a Fall e Genovese.

Coach Carolillo risponde, invece, con il pitagorico Daniele Dell’Uomo play, Gambarota Mvp della gara di andata da guardia, l’ex Mazic con Bini e Visentin sotto canestro.

Nel primo periodo, il piglio del Capitano Barrile è quello giusto.

Ottime segnature e canestri che portano in vantaggio Reggio Calabria che tiene botta con cura.

Gli avvicinamenti degli ospiti hanno la firma di Bini fini al 21 a 16 di fine periodo.

Nel secondo periodo è ancora Barrile a mettere la freccia(29 a 21).

Visentin, con concretezza segna i canestri degli avvicinamenti fino al meno due.

Il sorpasso, moralmente impattante arriva al termine del periodo con Gambarota in evidenza.

Nel terzo quarto Dell’Uomo consolida il vantaggio della Pavimaro fino al più cinque.

Mazic è la carta in più : gioca con classe e dispensa assist per i suoi compagni colpendo dalla lunga quando serve con precisione.(37 a 49).

Le riscosse dei nero-arancio ci sono, passano da Roveda,Genovese,Fall e Gobbato ma non hanno mai la giusta continuità.

Anche nell’ultimo periodo Genovese tenta svariati tentativi per riaprire la gara.

Una tripla di Gobbato firma il meno tre.

Il collettivo ospite, perà, ha maggior freschezza e lucidità.

Idee chiare, tanta solidità da Bini e Visentin ed allungo nel momento giusto.

Sfida senza storia sul finale con un tonico 58 a 72.

 

 

Pallacanestro Viola Reggio Calabria – Pall. Pavimaro Molfetta 58-72 (21-16, 12-20, 11-15, 14-21)

Pallacanestro Viola Reggio Calabria: Salvatore Genovese 17 (4/8, 3/11), Yande Fall 13 (4/5, 0/0), Enrico maria Gobbato 10 (3/9, 1/2), Fortunato Barrile 10 (2/4, 2/4), Edoardo Roveda 4 (2/8, 0/4), Luka Sebrek 2 (0/0, 0/3), Marco Prunotto 2 (1/1, 0/0), Paolo Frascati 0 (0/0, 0/2), Giovanni Centofanti 0 (0/0, 0/0), Federico Romeo 0 (0/0, 0/0), Giulio Mascherpa 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 8 / 20 – Rimbalzi: 38 11 + 27 (Yande Fall 8) – Assist: 15 (Edoardo Roveda 8)

Pall. Pavimaro Molfetta: Armin Mazic 24 (5/6, 3/6), Giovanni Gambarota 17 (5/8, 0/3), Vittorio Visentin 13 (3/8, 2/2), Matteo Bini 9 (1/4, 0/3), Daniele Dell’uomo 5 (1/5, 1/3), Andrea Calisi 3 (0/2, 0/2), Gianluca Serino 1 (0/1, 0/1), Davide Mezzina 0 (0/0, 0/0), Fabrizio De ninno 0 (0/0, 0/0), Giacomo Azzollini 0 (0/0, 0/0), Enrico Totagiancaspro 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 24 / 31 – Rimbalzi: 40 7 + 33 (Armin Mazic, Giovanni Gambarota, Vittorio Visentin 9) – Assist: 8 (Armin Mazic, Daniele Dell’uomo 2)

Show Buttons
Hide Buttons