PALLACANESTRO VIOLA,ORE DECISIVE SUL DA FARSI.COSA ACCADRA’?

Non è un momento facile, assolutamente no.

Il via libera per nuovi incarichi, General Manager, Coach e staff tecnico e Basket mercato annesso, seppur in arrivo più che tardivamente non è avvenuto.

I nuovi incontri per dare una svolta ad una tribolata situazione gestionale sembrano essersi arenati, anzi, qualche trattativa che, in tanti, davano per scontata, sembra essersi conclusa in negativo definitivamente. Anche incontri con altre realtà del territorio sembrano essersi chiuse in maniera definitiva.

L’ottimismo che potevamo palesarvi nel precedente report, non ci sentiamo assolutamente di proporlo nel resoconto odierno.

Ma, suvvia, in un estate di tanta “fuffa” e pochissima concretezza i dati da riepilogare, quelli certi sono i seguenti:

Esiste un ritardo gestionale importante con strascichi della passata stagione in casa Pallacanestro Viola dovuti a qualche socio moroso, qualche allontamento, un mancato sviluppo che poteva garantire maggior tranquillità e riguardo alcuni crediti non palesati da sponsor inadempienti.

C’è ancora il tempo per salvare la stagione, costruendo un roster sicuramente non con nomi di primo piano ma andando ad ingaggiare il meglio delle lunghe liste dei free agents? Si, e ve lo confermiamo,anche perchè, la voglia di tanti atleti di aspettare la B ancora esiste.

Il tempo è assolutamente tiranno e, mentre le altre squadre sono già arrivate a numerazioni delle maglie, alloggi e ticket dei voli(nodo cruciale per la nuova stagione in nero-aracnio che dovrebbe nascere), il ritardo gestionale preoccupa e non poco.

La lettera del Presidente del Supporters Trust Gabriele Calabrò non esprime fiducia ed è un “May Day” chiaro e limpido.

Il dato più preoccupante è che la città di Reggio Calabria sembra avulsa alle logiche di questa realtà, nata appena tre anni orsono, al momento, completamente offuscata dal dominio mediatico – popolare della Reggina dell’ex Presidente del Catanzaro del Basket,Saladini, con il campione del Mondo 2006,Pippo Inzaghi alla guida.

Non vorremmo mai, essere, in questo momento nei panni del Dottore Laganà, Presidente volenteroso,uomo onesto, ambizioso quanto basta ma soprattutto tifosissimo dei colori nero-arancio.

Il Presidente in questo triennio ha dimostrato di non voler mai fare il passo più lungo della gamba, resistendo a due dispendiose stagioni in B, pandemia inclusa.

Sforzi enormi che, sarebbe davvero un peccato veder volare alle ortiche.

Un estate d’incontri con altre realtà, sponsor ed Istituzioni per salvare, praticamente da solo, un titolo sportivo di B in attesa della nuova riforma dei campionati.

Un titolo acquisito due estati fa dalla Gilbertina Soresina,divenuto,oggi più che mai, “pesantissimo” da gestire, tra la chiusura dei conti dello scorso anno ed il planning di una stagione, quella che si dovrebbe riaprire diventata un muro insormontabile tra ostacoli e false partenze.

Non c’è più tempo per ricollocarsi in C,ne Gold ne Silver dopo l’iscrizione del 7 di luglio ma, l’unica strada è quella di fare la squadra, per non dover scomparire, ripartire, seppur a testa alta da una Serie D regionale e dover pagare arretrati più multa di 20 mila euro alla Fip.

La gente sembra essersi disinteressata – Il ritardo preoccupa e non poco, quello “zoccolo duro” che ha resistito alle intemperie più disparate delle varie società che si sono susseguite accostando e provando a ricordare il nome della gloriosa Cestistica Piero Viola.

Sono ore di passione. Vale la pena andare avanti e tenere in vita un giocattolo, martoriato dal girone horror(ci vergognamo quasi a ricordare nuovamente che, Reggio Calabria dovrebbe affrontare il girone con Friuli,Lombardia,Veneto e Sicilia(Traghetto incluso)) di Lega e Fip e non accettato dai più?

Oggi, da quel che trapela, è previsto un nuovo incontro tra il Presidente Laganà e qualche socio con il Supporters Trust, associazione che ha a cuore le sorti della Pallacanestro Viola oltre che una percentuale,seppur simbolica, di proprietà.

Essere ottimisti non fa mai male ma il ritardo è più che allarmante.

Probabilmente, per evitare di tediare l’estate di chi ci legge occorrerebbe un passaggio ufficiale di una società, ferma ancora alla proposta di contratto al Gm Barrile.(7 giorni orsono, data 1 agosto 2022).

Il tempo scorre inesorabile, con la speranza di poter scrivere di un bel colpo di scena, il canestro da campo a campo che ti salva una stagione, quando meno te lo aspetti.

Show Buttons
Hide Buttons