Porto Empedocle sbanca il PalaBotteghelle

 

 

Come può un fattore esterno condizionare una partita di basket? Proprio così.Chiaramente la curva della Viola non era al Palasport per tifare Vis ma per manifestare al grido di “Rivogliamo il Botteghelle”

 

Vittoria inaspettata e convincente per il giovane Porto Empedocle di Coach Fillari che contro qualsiasi pronostico espugna il PalaBotteghelle di Reggio Calabria conquistando una vittoria pesantissima in chiave salvezza contro una Vis realmente troppo brutta e poco convincente.Si tratta della seconda vittoria stagionale per la giovane compagine siciliana che batte una Vis in netta crisi d’indentità.

La gara si mette subito ottimamente per Porto Empedocle.

L’ex Viola e Nuova Jolly, a Reggio Calabria nella prima parte di stagione 2012 Andrea Gangarossa parte subito forte mandando avanti i siciliani.

Ad inizio secondo periodo,nell’impianto reggino gli occhi e le attenzioni sono tutti per i tifosi organizzati della Curva “Massimo Rappoccio”(tifosi della Viola Reggio Calabria) che regalano vitalità,urla e tifo al soporifero Botteghelle.

L’obiettivo dichiarato della curva è sostenere Sebastiano Grasso,capitano storico della Viola e fischiare l’ex Agrigento DiSimone ricordando le finali di Dnb e la serie in Dna manifestando per riavere il PalaBotteghelle.

La curva provoca un effetto deciso al match:Seby Grasso difende come “un matto”,corre,combatte e porta avanti le V bianco-amaranto.

Di Simone,invece,scompare dalla gara beccato ai tifosi.La permanenza del gruppo di ultras dura fino ad inizio terzo periodo con la Vis salda in vantaggio.

Dopo un coro dedicato all’ex Coach della Viola Domenico Bolignano.presente al match ed ad un doveroso “Rivogliamo il Botteghelle”, i supporters nero-arancio hanno lasciato l’impianto.

Senza tifo e senza una pedina importantissima come Tramontana la Vis soccombe.

Gangarossa firma la tripla del sorpasso.

Quarta sconfitta consecutiva per i reggini che dopo aver rimontato nella seconda frazione pagano l’uscita per infortunio del lungo Tramontana.

Le scarse rotazioni di Coach D’Arrigo e tantissimi errori spianano la strada agli ospiti.

Porto Empedocle,gioca con grinta e cattiveria agonistica realizzando un canestro dopo l’altro.

Molto bene Sgrò:le triple di Fathallah stendono la resistenza di una Vis incapace di reagire.

Sul finale, gli atleti di Coach Fillari avranno l’opportunità di ribaltare persino la differenza canestri non riuscendoci e chiudendo con un rotondo 59 a 69.

 

 

 

Vis Reggio Calabria – Basket Empedocle 59-69

(17-18, 15-8, 11-19, 16-24)

Vis Reggio Calabria: Vozza 8 (2/8, 0/2), D. Costa 7 (2/5), Tramontana 10 (3/5, 1/1), Grasso 10 (4/5, 0/4), Barrile 2 (1/1),

 

Carnazza 5 (1/3, 1/7), R. Costa 15 (6/12, 0/2), Ielo, Cedro 2 (1/1). Allenatore: D’Arrigo.

Tiri Liberi: 13/20 – Rimbalzi: 25 21+4 (Grasso 10) – Assist: 20 (Tramontana 5).

Basket Empedocle: Guarnaccia 3 (0/1, 0/1), Narbona, Sgro’ 20 (6/8, 2/3), Fiannaca, Gangarossa 17 (5/9, 1/3), Fathallah 9

 

(3/6, 1/2), Rotolo, Di Simone 20 (8/11, 0/4), N.E.: Taibi. Allenatore: Fillari.

Tiri Liberi: 13/14 – Rimbalzi: 30 25+5 (Di Simone 12) – Assist: 15 (Fathallah 4).

Arbitri: Perrone di Augusta e Castorina di Giarre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons