Prima passi per Upea e Viola

Gran bel test amichevole per la Viola Reggio Calabria nell’amichevole di Capo D’Orlando.

I carichi i lavoro erano evidenti nelle gambe dei ragazzi di Coach Benedetto ma, la “sgambatura” per usare termini prettamente calcistici è servita parecchio: sfidare un avversario tosto,superiore sui due lati del campo e più lungo ha messo alla prova arti e muscoli di una Viola che ha già mostrato qualcosa di buono.

La nota ultrapositiva,un esempio di come il basket sia ancora vivo e respiri molto bene è il pubblico di Capo d’Orlando.

Avevamo scritto frettolosamente di un ottocento persone presenti nell’impianto dedicato ad Alessandro Fantozzi(ex Coach della Viola protagonista di annate da sogno con i colori dell’Orlandina) prima che il resto della parte cestistica della cittadina siciliana si fosse aggregata al primo scrimmage di un team che ritorna a pieni voti in serie A1 dopo una rincorsa partita dalla Serie D(come Dodomodossola come affermava con orgoglio un altro reggino protagonista delle cavalcate dell’Upea,l’ex Cap Peppe Condello l’intervista) dopo il forfait burocratico alla Serie A.

La garanzia di qualità in casa Viola arriva da Giovanni Benedetto:l’allenatore pretende il massimo e “suda” le partite insieme ai suoi,nonostante l’evidente gap con gli avversari: i suoi “time-out” fanno tremare Under e Senior con delle risposte immediate sul campo.

La gara:La Viola non è dispiaciuta.

Tante cose da rivedere specialmente nella gestione dei palloni ed al rimbalzo ma le scusanti ci sono tutte considerando che si trattava del primo assoluto cinque contro cinque “vero”.

I nero-arancio hanno tutte le carte in regola per diventare un gruppo esuberante.

La forza dell’Orlandina arriva da un roster lungo e completo che dovrebbe firmare a giorni anche l’esterno Usa titolare.

Hunt,Freeman,Archie portano sostanza,quantità e qualità.

Le conferme arrivano da un Pecile splendido che ruba un pallone dopo l’altro.

Il tandem eterno costituito sull’asse Basile-Nicevic,un vero e proprio manuale del basket sul rettangolo di gioco:l’ex Treviso,specialmente, si dimostra super dominando al rimbalzo e segnando con continuità divertendosi.

Aggiungiamo che l’ex Nba Flynn partito in sordina inizierà a strabiliare con qualche giocata da All Star ed il gioco è fatto.

E la Viola? Pochi minuti per Rezzano.

Qualche incertezza in cabina di regia per Tourè.

Buone prove per Rush e Deloach,giovani con tanta voglia di far bene.

L’ex Varese mostra un ottimo potenziale divertendo.

Deloach è un vero e proprio play-guardia:quando decide di cambiare marcia in palleggio diventa imprendibile anche in mezzo a tre-quattro avversari.

Tra i giovani,buone indicazioni per Alessandro Azzaro:tanta grinta nei suoi occhi e voglia di non mollare mai.

Il prossimo test si giocherà mercoledì a Cefalù contro il Trapani di Coach Lino Lardo.

Upea C. Orlando – Viola RC: 84 – 67 (26-20, 45-36, 68-52)

C. Orlando: Archie 12, Freeman 12, Hunt 8, Basile 5, Flynn 9, Nicevic 16, Pecile 8, Karavdic 3, Bianconi 8, Marisi. Coach Griccioli.

Viola RC: Tourè 4, De Meo, Rush 17, Deloach 26, Casini 7, Rezzano 5, Ammannato 5, Spera, Azzaro 3, Lupusor. Coach Benedetto.

Arbitri: Nicolini, Triffiletti, Castiglione

Foto:Fabiana Amodeo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons