QUI CIVITAVECCHIA. MA IL CAMPIONATO?

La società, iscritta alla C Gold, si era resa protagonista del super ingaggio dell’ex Viola, Alessandro Cittadini. Oggi, pone delle attente riflessioni.
 
Leggete qui
 
Ci capita sempre più spesso di incontrare tifosi, quelli che assiepavano il PalaRiccucci o persone che seguivano le nostre partite attraverso il teleschermo, che ci pongono tutti la stessa domanda: “quando riprende il campionato?”. A tutti costoro, soprattutto dal 18 gennaio scorso, da quando cioè la Federazione ha definito il limite ultimo per la partenza, rispondiamo che il campionato partirà entro il 7 marzo. La data si avvicina e al momento, però, non è stato fissato lo start. Nella nostra regione, oltretutto, la situazione è particolare, visto che alcune società, per ragioni più o meno condivisibili, sono contrarie a far partire il campionato. In altre regioni, invece, tutti sono pronti e c’è già chi, come la Toscana, ha fissato al 21 febbraio la data di inizio del torneo di C Gold. La situazione è per certi versi paradossale e rischia di diventarlo ancora di più se in alcune regioni, a prescindere dalla loro colorazione (peraltro adesso siamo quasi tutti “gialli”), si giocherà regolarmente ed in altre no. Si creerebbe, in tal modo, una sperequazione tra società della stessa categoria: alcune avrebbero infatti la possibilità di giocare e di poter eventualmente essere promosse in serie B; altre, viceversa, resterebbero al palo. Da qualche parte si invoca uno stop alle retrocessioni. Noi siamo assolutamente d’accordo, così come siamo d’accordo nel mantenimento del titolo alle società della categoria che decidessero di non partecipare al campionato. Ci sembra altrettanto giusto, però, dare la possibilità a tutti gli altri, quanti essi siano – anche se fossero meno di dieci – di poter cominciare e finire la stagione. Le partite potrebbero essere trasmesse in diretta streaming (noi siamo pronti, ma ormai la tecnologia lo consente a tutti), dando così modo agli appassionati di poterle seguire comodamente da casa e alle società di poter continuare a svolgere attività di promozione. Il basket e lo sport in assoluto non hanno bisogno di differenziazioni tra una regione e un’altra e di guazzabugli, soprattutto in un momento come questo.
CESTISTICA CIVITAVECCHIA
Show Buttons
Hide Buttons