Redel sconfitta amara contro un Ragusa già retrocesso

:la gloriosa squadra iblea come era ampiamente preventivabile ad inizio campionato è stata retrocessa matematicamente in C Regionale accanto all’Audax Reggio.

 

 

La Redel, invece, perde una buona occasione per sigillare il quinto posto in classifica e per conquistare il quinto successo in sequenza del torneo dopo una gara nervosa e difficile.La squadra reggina si lamenterà anche a fine gara per un arbitraggio pessimo, secondo gli addetti ai lavori che seguono il team reggino sarà il peggiore arbitraggio della stagione.

 

Per la Redel Vis,dicevamo, si tratta del primo stop dopo ben cinque vittorie in sequenza una più bella dell’altra che hanno già firmato la qualificazione al PlayOff della “matricola” reggina del Presidente Gemelli.

 

La gara:La Nova Virtus sa che la speranza di salvezza è flebile e parte piano (2-7 al 2′).

Coach Recupido suonerà presto la sveglia suonata dal fromboliere appena diciassettenne Giorgio Canzonieri che nel primo quarto insaccherà undici punti, non sbagliando mai dal perimetro(con 3/3 nelle triple e 1/1 da due).

A dargli man forte, sbattendosi sotto le plance,c’è anche il totem, classe 1994, Lucio Salafia, apparso in palese crescita.

La frazione si chiude sul 22-15, grazie ad una bomba nuovamente di Canzonieri.Il segreto del vantaggio dei siciliani è da ritrovarsi nella difesa 1-3-1 dei locali che metterà sotto scacco i reggini di D’Arrigo che sembrano non ritrovarsi neanche dopo la “predica” all’intervallo del Coach.Note assolutamente negative dall’arbitraggio durante tutto il match.

Al riposo lungo il match sembra già segnato (48-33), ma ovviamente la Redel Energia, alla ripresa, fa valere la classe e l’esperienza dei suoi uomini.

Fabrizio Scaffidi prenderà per mano i suoi firmando lo 0-7 che mette i brividi alla platea di casa.

Le risposte iblee arrivano da Iurato che comincia ad ergersi a grande protagonista, difendendo forte e bloccando l’ideatore ospite Antinori.

Per lui, alla fine,arriverà la palma di Mvp con uno scorer da leggenda: 6/7 da due e 3/3 da tre e 4/6 ai liberi, 1 assist e 5 rimbalzi.

Alla fine del terzo periodo, con Iurato che insaccherà quindici punti, la Nova Virtus è ancora largamente avanti (71-54).

L’ultima frazione inizia bene per Reggio Calabria:Le triple “mozzagambe” di Claudio Cavalieri e Matteo Stracuzzi fanno sperare nella rimonta dei reggini che conti alla mano avevano sicuramente più bisogno dei due punti rispetto al Ragusa.

La canotta numero dieci Cavalieri (due tecnici per continue diatribe con gli arbitri) deve lasciare il campo per raggiunto limite dei falli.

La rimonta della Redel si ferma, in quel frangente, sul meno undici.

Ragusa riprende il largo (82-66 al 35′), ma molla nuovamente sulla difesa della transizione ospite e consente a De Marco ed Antinori (l’ex Upea è implacabile dalla lunetta) di tenere vivo il match (82-72 a 3′ 05”).

Due canestri di Canzonieri danno fiducia agli iblei che pur patiscono anche le disperate triple di Scaffidi e Grande per il meno 9 (88-79 ad 1’40” dalla sirena).

A metterci il sigillo è, però,il play tascabile Dario Emmolo con il siluro che a 40” dalla fine chiude la partita.

La Redel Energia riflette sul vero significato di una sconfitta inaspettata e prepara la gara contro i primi della classe del Trapani.La corazzata di Coach Priulla sarà l’ospite d’onore dei reggini sabato prossimo alle ore 19 al PalaBotteghelle.Per il giovane Ragusa arriveranno applausi amari che firmeranno una bella vittoria che significherà ugualmente retrocessione.

 

Giovanni Mafrici

Uff.Stampa Redel Energia

Reggioacanestro.com

Un ringraziamento a Giorgio Antonelli

 

Nova Virtus Ragusa 91

Redel Reggio Calabria 79

Nova Virtus:  Terrana 5, Cassì, Distefano M. 1, Mammana 8, Emmolo 10, Salafia 5, Girgenti ne , Canzonieri 20, Giarrusso 15, Iurato 25. All. Recupido

Redel: Cavalieri 18, Pellegrino Yasakov 10, Soldatesca 5, Antinori 13, Scaffidi 12, Grande 5, De Marco, Stracuzzi 5, Cedro ne, Scafaro. All. D’Arrigo

Arbitri: D’Elia di Taranto e Vilardi di Alcamo.

Note:  parziali:  22-15, 48-33, 71-54. Ragusa: tiri da due 19/38; tiri da tre 10/19; tiri liberi: 23/34;  Reggio Calabria: tiri da due  18/36; tiri da tre 8/20; tiri liberi 19/21. Spettatori 400. Usciti per falli: Iurato (Nova Virtus), Pellegrino-Yasakov e Cavalieri (Redel)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons