Redel,prima vittoria in trasferta

 

 

Grande gioia negli occhi dei dirigenti reggini che raggiungono un altro traguardo storico al primo anno nel campionato nazionale a cospetto di una formazione “veterana” del girone come il Basket Rosarno.

La gara? Dai due volti, assolutamente.

I reggini partono molto bene iniziando un dominio a rimbalzo che a fine gara porterà sul taccuino del dirigente Max Casile ben 43 rimbalzi catturati.

Tanti extrapossessi ed ottimi avvii per Pellegrino e De Marco. Rosarno resta a galla grazie alle performance di Pasquale Crucitti ed Antonio Iaria.

Il primo quarto terminerà 19 a 23 ma la Redel sembra molto più compatta degli avversari e soprattutto molto più presente al rimbalzo sia in attacco che in difesa.

E’ solamente un’illusione come accadde nel derby con Messina?

Sembra proprio di no anche perchè nel secondo quarto, la Redel continua a tenere botta pressando sin dalla propria metà campo un Basket Rosarno abbastanza confuso. Tanti palloni sotto ad Alfonso tengono a galla i padroni di casa ma sono i ragazzi della Redel, sospinti da Matteo Grande a fare gioco con triple “ignoranti” ed efficaci.

Nel terzo quarto mega-break per gli ospiti: Rosarno entra in confusione, Soldatesca azzecca una tripla al terzo tentativo, Scaffidi lo segue a ruota mentre De Marco,Cugliandro e Pellegrino catturano rimbalzi a raffica regalando extrapossessi a go go agli atleti di coach D’Arrigo a confezionare il vantaggio ci penserà ancora Matteo Grande con un mix di tiri da tre(anche in contropiede) e penetrazioni.A cavallo di terzo e quarto periodo il più venti è abbastanza rassicurante per gli ospiti.

Tutto finito? Assolutamente no.

Ad inizio quarto periodo, Rosarno suona la carica: i locali iniziano a rubare un pallone dopo l’altro. Sotto di dieci a metà tempo grazie ai recuperi dei due Crucitti e di Iaria e la gara, come per magia si riapre.

La Redel non riesce più a sorpassare la metà campo nonostante i continui time-out chiamati da coach D’Arrigo.

A tre minuti dalla fine, avviene la svolta.Pasquale Crucitti realizza i liberi del meno due, Cugliandro si dimostra glaciale qualche istante dopo sempre dal tiro personale.

Lo show finale lo offrirà Matteo Grande: otto punti consecutivi con la giusta “faccia tosta”, primo passo da urlo e decisione dalla lunetta che faranno volare la Redel verso la festa finale.

I complimenti di rito vanno al coach dei reggini che ha saputo preparare nel migliore dei modi la gara nonostante un bollettino medico assolutamente in rosso: la tattica dell’aggredire in pressing gli avversari ha realmente funzionato.

Per la Redel arrivano due punti che danno morale e classifica verso un proseguo di campionato che promette scintille. Sabato alle 20.30 Stracuzzi e soci ritorneranno in campo contro i giovani del Ragusa.

Giovanni Mafrici

Uff.Stampa Redel Energia

Reggioacanestro.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons