Ricordando un grande sportivo

La tragedia è avvenuta nel corso della partita contro la Lube a Macerata. Bovolenta, centrale, due scudetti, due coppe campioni, un Mondiale per club, un argento olimpico ad Atlanta 1996, un Europeo e quattro World League, si è accasciato durante il match: “Mi gira la testa, aiutatemi che cado”. Inutile ogni soccorso.

 

 

Nel terzo set di Lube Macerata-Volley Forlì si è presentato sulla linea di battuta, ha gettato la palla dall’altra parte e ha chiesto aiuto. Ma per lui, subito soccorso dai sanitari del 118 a bordo campo, non c’è stato nulla da fare. Bovolenta è stato trasportato in condizioni disperate all’ospedale di Macerata e tutti i tentativi dei medici sono stati vani. Il giocatore, che avrebbe compiuto 38 anni il 30 maggio, è morto poco dopo, tra le lacrime dei compagni di squadra, dell’allenatore Stefano Mascetti e dei giocatori e dirigenti di Macerata.

Abitava a Ravenna con la moglie, Federica Lisi (anche lei ex giocatrice di pallavolo), e i quattro figli. Aveva disputato 553 partite in serie A1 in 21 anni, fino al 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons