Ritratto del Capitano Andrea Cattani

 

 

L’IMPEGNO DELL’ASSITUR PLANET PER IL BASKET DELLA CITTA’:

IL CONTRIBUTO DI UN GRANDE GIOCATORE COME ANDREA CATTANI

 

Dietro le quinte si è lavorato per tutto il corso del girone di andata del campionato di basket DNC, i tavoli della discussione e pianificazione, concertati su obiettivi comuni, hanno portato a voler affrontare il girone di ritorno con entusiasmo, positività e voglia di voler credere in un gruppo di giovani  che regala grandi momenti. Tutto  all’insegna  dell’organizzazione per processi, che porta alla preparazione  e alla realizzazione di un terreno futuribile a lunga gettata fatto, concretamente, dalla crescita dei giovanipronti tecnicamente e responsabilmente predisposti. Si vuole continuare a coniugare le due parole chiave: filosofia e politica. Filosofia ispiratrice dei valori fondamentali del basket e politica di costruzione di rapporti, di sinergia, di rete sul territorio.

La catena dei rapporti costruiti negli anni con il mondo e le gerarchie del basket, dai procuratori, tecnici, giocatori, agli operatori del settore ha arricchito la nostra esperienza e ha fortemente supportato, anche se non con poche difficoltà, la nostra forte motivazione a procedere verso la strada dell’apertura verso nuovi orizzonti.

L’interscambiabilità è arrivata lontano, ha toccato i confini di altri continenti, con la presenza di giocatori venuti da lontano. Il sostrato su cui si è elevato questo importante impianto, di uno spazio sportivo provinciale, come quello del basket catanzarese,   si è comunque coltivato all’insegna dell’attaccamento alla propria terra, al riconoscimento dei valori veraci della Calabria, della tenacia, della forza di volontà, della caparbietà.

Non è per niente scontato dire che tutti questi aspetti si sintetizzano nella persona di un grandegiocatore, che si riconferma, con le sue abilità, in questa prima parte di campionato, anno 2012 -13: Andrea Cattani.

Giocatore di responsabilità, con grandi energie di equilibrio nella squadra, capace di essere in campo al momento giusto, nel posto giusto, con giusti passaggi, e uomo suggeritore di grande esperienza, che fa del suo estro, della sua indipendenza , della sua personalità inimitabile, un contenitore di testimonianza per i giovani che crescono intorno a lui e che con grande rispetto e ammirazione godono in una forma di simbiosi.

La sua costruzione nel tempo, la sua grande capacità di spaziare nella comunicazione e nella espressione del gioco ha regalato momenti di grande calore ad un pubblico affezionato, che ha avuto anche la libertà di criticarlo nei momenti passeggeri di calo fisico e mentale, ma che ha sempre dovuto ricredersi per le sue efficaci e mirate dimostranze.

Ha saputo e sa segnare nei momenti importanti e cosa di non poco conto , la sua linfa vitale è dettata dalla voglia di vincere, di affrontare, di competere con l’avversario.

La sua corsa in campo, i suoi canestri, i suoi passaggi, i suggerimenti, il trattamento della palla, il suo consueto e a volte fastidioso discutere e reclamare con l’arbitro, il suo ritorno tra un tempo e l’altro negli spogliatoi, ne fanno un giocatore che ti da l’impressione che la sua lettura tattica della partita continui all’infinito, e che nessuna mossa sia casuale.

Per noi è un grande orgoglio continuare a gioire delle emozioni che ci regala, alimentando la speranza che continui ad essere testimonianza per il nostro futuro, e quindi, per i nostri giovani.

In bocca al lupo Andrea!!!!

 

Ufficio Stampa ASSITUR PLANET BASKET CATANZARO
 
 
Catanzaro, 15 marzo 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons