Rosarno fa harakiri,Racalmuto vince dopo due overtime

 

 

La sfida inizia sul filo dell’equilibrio.

Stupisce la grinta di Ennio Lo Presti che terrà a galla i suoi.

Proprio un’inedita tripla del lungo firmerà il primo sorpasso dei calabresi ma, Racalmuto, seppur orfano di Giusti, giocherà una buona pallacanestro trovando soluzioni efficaci con Petrucci e De Bartolo.

La trama resta immutata fino alla fine del terzo quarto. Racalmuto avanti e Rosarno a rincorrere.

Il giovane Mazza insacca un canestro da urlo ma, il sigillo perentorio sarà di Petrucci (53-64).La gara sembra già chiusa.

Il giovane Nino Crucitti insaccherà un centro allo scadere che proverà a rianimare la verve dei calabresi.

A metà quarto periodo qualcosa cambia.

Iaria prende per mano i suoi segnando il meno cinque a metà. Ancora Iaria ben supportato da Brugalossi siglerà il canestro del sorpasso (74-73).La gara, adesso sembra nelle mani del Rosano.

Negli ultimi due minuti, però si giocherà a chi sbaglia di più: tanti possessi mal gestiti da una parte e dall’altra.Rosarno sembrava aver vinto, ma non sarà così.

La giocata del pareggio sarà tutta per il veterano Sanicola che realizzerà un canestro di difficile fattura.

Nel primo overtime parte subito forte la formazione ospite:De Bartolo è una furia ma Rosarno c’è, nonostante una condizione falli assolutamente precaria.L’ultimo possesso finirà nella mani di Iaria con il punteggio ancora pari:la palla finirà a Pasquale Crucitti che non s’intenderà con Brugalossi per un pick and roll.Il pallone terminerà out a tre secondi dal termine. Dalla rimessa dal lato opposto non  riuscirà a concretizzare Racalmuto con Petrucci.

Nel secondo overtime segnaliamo una nuova partenza a razzo della Montenapoleone: De Bartolo non sbaglia più, Toto lo imita dalla distanza per un perentorio 5-0.

Rosarno, in un amen recupera con Iaria e Brugalossi.

Il contro break, però, lo firmano ancora loro: prima Toto da due in contropiede subito dopo De Bartolo sigilla il match con un solido più sei.

Tutto finito? Sembra proprio di si anche perché Antonio Iaria è uscito dal campo stremato.

Il capitano, però, ritorna in scena qualche attimo dopo:una tripla incredibile riapre il match.

Racalmuto, però riuscirà a gestire al meglio il finale per una vittoria importante in chiave terzo posto.

 

Giovanni Mafrici

foto:Alessandra Palamara

VEOLIA ROSARNO – MONTENAPOLEONE RACALMUTO 101/106 dopo 2 t.s.

VEOLIA ROSARNO:

brugalossi 24 – iaria 28 – crucitti 17 – Alfonso 11 – crucitti a. 4 – Rizzieri 8 – lo presti 7 – garruzzo np. – la rosa 2 –

MONTENAPOLEONE RACALMUTO:

petrucci 19 – de bartolo 36 – canicola 8 – fathallah 12 – campi 6 – mazza 8 – toto 9 – petrosino 8 – coach: Cardillo – ass- Di Marco.



PARZIALI: 22/23   18/19    17/26    25/14    5/5    14 / 19

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons