Rugolo: “E’ stata un’impresa irripetibile”



Partiamo dalle dediche:il tuo pensiero è per il tifoso Peppe Condello?

L’ho pensato, sì, specialmente nelle prime giornate.

Quando la Curva fa il coro per lui e per Massimo Rappoccio mi vengono i brividi. Sono due icone del tifo qui da noi.


Ci puoi raccontare questa superlativa cavalcata cestistica?


Un’impresa tosta specialmente dal punto di vista mentale.

Ne abbiamo parlato spesso con i miei compagni di squadra: non è stato assolutamente facile stare sempre sul pezzo e non mollare mai.

Se molli partendo con l’handicap iniziale che ha avuto la Viola in questa stagione sei fregato: noi ci abbiamo creduto ed è andata molto bene.

Non abbiamo mai mollato specialmente dal punto di vista mentale e specialmente non abbiamo intenzione di mollare per la sfida di Domenica e per l’ultima in casa con Ferrara.


Ti era mai capitata una rimonta del genere in carriera?


No, per mia “fortuna” non mi ero mai trovato in una situazione analoga e così negativa. E’ stata una favola difficilmente ripetibile.


E il futuro?


Quando finirà il campionato si vedrà, adesso non posso sapere nulla. La Pallacanestro vive un momento molto particolare, non è possibile progettare nè per noi giocatori nè per le società.


Che cosa pensi della nuova Lega Due divisa in Silver e Gold?


Secondo me hanno cambiato in nomi ma all’atto pratico è cambiato veramente poco.

La Gold dovrebbe essere la A2, la Silver la B1 con l’aggiunta degli americani e dei passaportati: con la situazione della pallacanestro italiana di adesso non so quanto possa giovare questa cosa anche perchè gli italiani hanno bisogno di giocare e prendendo altri stranieri il numero e lo spazio degli atleti italiani si riduce sempre di più.

Probabilmente aumenta lo spettacolo ma gli americani dovranno essere americani, non terze o quarte scelte. La scelta potrebbe rivelarsi vincente qualora gli americani si avvicinino al livello di quelli degli anni ’80, il basket di una volta che piaceva tanto: quello era un grande spettacolo, così possono crescere anche gli italiani.

Il modello potrebbe essere la Russia, dove c’è l’obbligo di fare giocare i giocatori locali: abbiamo una Federazione brava, speriamo possa trovare una soluzione.

Cambiare ogni anno denominazione non ha giovato.


A Lucca per vincere?


Assolutamente! Ci siamo allenati molto forte. Abbiamo avuto qualche problemino ma nulla di grave e talvolta non ci siamo allenati in dieci.

L’obiettivo è vincere sia da parte del coach che nostra.


Il tifo ormai non fa più notizia?


Li aspettiamo a braccia aperte, abbiamo tifosi reggini sparsi ovunque, è bellissimo.

Io l’ho detto il primo giorno: il lumino è sempre acceso. Basta poco per far tornare la voglia di basket. Ancora non abbiamo raggiunto i massimi livelli che io ho già vissuto sia da tifoso che da atleta però questa nostra stagione rappresenta un primo passo da urlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons