Seconda sconfitta interna per la Viola

 

 

REGGIO CALABRIA – Seconda sconfitta consecutiva per la Viola Reggio Calabria, che cade anche tra le mura amiche del PalaMazzetto contro una Remer Treviglio che porta invece a casa due punti meritati. Match condotto per 40 minuti dagli uomini di coach Vertemati, bravi a tenere sempre la partita sul ritmo (basso) a loro più congeniale. Dall’altra parte i reggini hanno pagato i consueti errori, poca intensità in difesa, a tratti totalmente assente, poca corsa e poco gioco di squadra con tanta lentezza nei movimenti sui giochi offensivi, conclusi molto spesso con scelte individuali fuori ritmo.

 

Treviglio parte subito forte con Rossi, Alessandri e Kyzlink, imbrigliando i neroarancio con continui cambi di difesa (zona-uomo-zona) che mandano fuori giri l’attacco della Viola. Adattamenti e cambi tra l’altro tipici della difesa Viola che quindi i neroarancio, che in settimana allenano spesso questo tipo di situazioni, dovrebbero saper attaccare con maggior naturalezza.

La Remer riesce, invece, a mandare subito in tilt i padroni di casa e servono il miglior Fabi ed un positivo Sorrentino (al rientro dopo l’infortunio che lo ha tenuto fuori per due partite) per ricucire il gap di -9 (7-16 al 7′); all’8′, infatti, grazie, al gaucho ed al dinamismo del napoletano, la Viola torna a -2 (15-17). Sono, poi, due bei canestri di Kyzlink a dar nuova linfa alla Remer che chiude il primo quarto sul +5 (16-21).

 

E’ ancora Sorrentino ad aprire la seconda frazione (18-21) ma la Viola subisce subito dopo un break di 0-7 firmato da Rossi e Kyzlink. Treviglio è ancora brava a chiudere bene tutti gli spazi in difesa, concedendo solo il gioco dal perimetro, tra l’altro mal sfruttato dai neroarancio che muovono male e con poca pazienza la palla in attacco, andando più volte a sbattere contro la difesa della Remer.

 

E’ la coppia di scugnizzi Sorrentino-Sabbatino (con la tripla) a dare il -8 (23-31 al 16′) ma Treviglio difende ed attacca con ordine, sfruttando bene il gioco sotto le plance con Emanuele Rossi (24-34 al 17′); Hamilton e Sabbatino trovano il canestro dai 6.75 ma è la Remer a chiudere il primo tempo invantaggio sul 34-40.

 

La Viola prova a rientrare dagli spogliatoi, come di consueto, con grande energia; superbo alley-oop firmato dalla coppia Fabi-Hamilton per il 36-40 ma i neroarancio si spengono subito dopo e subiscono un nuovo break di 0-7 dal duo Rossi-Alessandri (36-47 al 23′) fino al -13 firmato ancora da un incontenibile Emanuele Rossi (38-51 al 24′). Toccato il punto più basso i neroarancio si svegliano dal torpore; una tripla di Ammannato avvia una straordinaria rimonta con un parziale di 9-0 firmato Sabbatino, Bell e Sorrentino (47-51 al 29′). E’ una tripla di Carnovali a spezzare il ritmo dei reggini che chiudono il terzo quarto a -5 (49-54).

Ultimo quarto decisivo e la Remer non molla un millimetro. Bell, dalla lunetta, porta nuovamente i suoi sul -3 (51-54) ma è un’altra tripla, stavolta di Marino, a ricacciare indietro i neroarancio (51-57 al 31′). E’ comunque un momento positivo per gli uomini di coach Ponticiello che rispondono subito con Hamilton dai 6.75 (54-57); sono, però, gli arbitri a fare la differenza in questa fase calda del match con un fischio molto dubbio sottocanestro che manda De Paoli in lunetta per l’1 su 2 (54-58 al 33′); Bell riporta la Viola ad un possesso di distanza (56-58) ma Treviglio è chirurgica nel ricreare un gap di sicurezza con Ihedioha e Marino, ancora da tre punti (56-63 al 35′). Il 5° fallo di Ammannato con Rossi che segna e subisce fallo inizia a scrivere i titoli di coda sul match, con Treviglio che si porta sul +7 (58-65 al 38′). Hamilton da tre punti illude (62-67 al 39′) ma gli arbitri, con un ulteriore fischio poco lineare, mandano su tutte le furie coach Ponticiello che perde la lucidità e si fa fischiare un fallo tecnico ad 1 minuto dal termine. Alessandri e Krstovic firmano, allora, dalla lunetta il + 8 (62-70) per la Remer; Sorrentino è l’ultimo a mollare ma non basta. Treviglio allunga e chiude il match sul 65-75 espugnando meritatamente il PalaMazzetto.

 

E’ una sconfitta molto pesante per i reggini che dopo la prestazione comunque positiva di Ferrara fanno nuovamente due passi indietro e si ritrovano a dover fare i conti con gli stessi errori più volte ripetuti nei match che gli uomini di coach Ponticiello hanno poi chiuso con una sconfitta.

Servirà certamente un’altra Viola in quel di Firenze domenica prossima; al Mandela Forum i neroarancio dovranno cercare a tutti i costi la prima vittoria in trasferta della stagione ma, per farlo, servirà lavorare ancora di più su ciò che non può mai mancare nei giochi difensivi ed offensivi, ovvero l’essere squadra. Non illuda la classifica poco felice, la Enegan Firenze è squadra attrezzata e solida , pronta tra l’altro ad allungare la striscia positiva che la vede vittoriosa nelle ultime due partite. Servirà una grande Viola ma siamo certi che lo staff reggino è già al lavoro per far sì che ci siano tutti i presupposti per portare a casa i due punti dalla Toscana.

 

Nino Romeo per Reggioacanestro.it

 

VIOLA REGGIO CALABRIA – REMER TREVIGLIO 65-75

 

 

VIOLA: Bell 7 (1/3, 0/2), Azzaro ne, Caprari, Lupusor ne, Fabi 9 (2/4, 1/1), Sabbatino 7 (1/2, 1/5), Sorrentino 16 (5/7, 1/6), Spera, Ammannato 6 (1/3, 1/3), Hamilton 20 (4/9, 3/8). Coach: Ponticiello

 

TREVIGLIO: Alessandri 14 (3/4, 1/2), Carnovali 3 (1/7 da tre), Krstovic 12 (4/6, 1/3), Kyzlink 12 (2/6, 2/4), Marino 6 (0/1, 2/5), Flaccadori, Spatti, De Paoli 3 (0/1), Ihedioha 6 (3/5, 0/1), Rossi 19 (9/11). Coach: Vertemati

 

Arbitri: Claudio DI TORO di Perugia (PG) – Alessandro SARACENI di Zola Pedrosa (BO) – Alessandro PILATI di Zanè (VI)

 

Parziali: 16-21; 34-40; 49-54

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons