SEGNALI NON POSITIVI DALLA PUGLIA, LA PALLACANESTRO VIOLA E’ ATTESA AL RISCATTO

Tanto, tantissimo da lavorare.

Sbloccarsi, e farsi trovare pronti per la prima di campionato che, oggi più che mai, è vicinissima.

Troppo brutta per essere vera la Pallacanestro Viola vista negli ultimi due giorni al Memorial Valente di Molfetta.

Termina 84 a 61 la sfida contro una diretta concorrente per la salvezza, un Monopoli che si scatena grazie ai canestri di Andrea Lombardo e Mauro Torresi Lelli.

Occorre sottolineare lo spirito con il quale i reggini hanno interpretato l’avventura in terra pugliese: una girandola dei cambi per capire quanto potrà essere lungo questo roster.

Tanti errori e tante prove, per arrivare carichi agli impegni ufficiali.

Abbiamo visto(anzi intravisto considerata la mancata diretta Tv) una versione parziale dei nero-arancio?

Probabilmente si.

Da verificare totalmente il gioco di squadra, l’asse play guardia Balic ed Ingrosso, e l’integrazione di Klacar e Bruno Duranti in ala.

Buoni segnali dall’under Besozzi(tanti minuti per lui,Lazzari e Valente) ma è troppo poco per competere con un Monopoli che, nel secondo quarto spiccherà il volo diventando imprendibile.

L’Action Now sfiora anche i trenta punti di vantaggio e vince la finalina per il terzo e quarto posto.

Oggi,inizia un nuovo percorso: sette giorni per arrivare carichi alla prima di campionato per la rinnovatissima compagine nero-arancio: i carichi di lavoro, un’autentica zavorra sulle gambe dei reggini, si dovranno sbloccare per arrivare pimpanti fisicamente e far vedere passi in avanti riguardanti l’amalgama di squadra e la capacità di far canestro, vera spada di Damocle di questa due giorni.

E’ chiaro che, unendo a queste due sfide la gara di Coppa persa contro Ragusa, non arrivano segnali ben auguranti: occorre una svolta mentale, atletica e tecnica.La manifestazione dedicata alla Memoria di Antonio Valente è stata vinta dai Lions di Bisceglie sui padroni di casa.Molto bene Dron.

Show Buttons
Hide Buttons