SERATACCIA: NARDO’ “PASSEGGIA” CONTRO LA PALL.VIOLA PIU’ BRUTTA DI SEMPRE

Troppo brutta per essere vera.

La Pallacanestro Viola perde, giocando probabilmente la più brutta sfida del campionato contro una Frata Nardò che, senza strafare “passeggia” contro i reggini.

Le attenuanti sono tantissime:dalle condizioni di Mascherpa e Genovese(probabilmente hanno giocato la loro più brutta gara in carriera),in campo nonostante gli acciacchi, l’assenza di Roveda e quella di Sebrek.

Ne viene fuori un pasticcio che costa la sesta sconfitta consecutiva(due vittorie su undici turni) che dirige i reggini verso lo scontro salvezza di domenica prossima da giocare sul campo di un Monopoli che vince la sua prima partita espugnando il Palapulerà di Catanzaro.

Nardò vola subito in doppia cifra di vantaggio sin dal primo periodo con un Federico Burini particolarmente ispirato.

Qualche cenno di luce arriva da Gobbato nel primo periodo e da Barrile nel secondo che avvicina i reggini nel punteggio.

Nardò non è precisa. Le palle perse reciproche sono parecchie ma gli errori, talvolta grossolani dei nero-arancio sono in quantità.

Canestri sbagliati da sotto, circolazione di palla che finisce come per magia in out e tanti, tanti tentativi errati al tiro, anche con i piedi per terra, anche senza marcatura.

Il veterano Stella, supera con maestria e tanta lucidità i giovani nero-arancio in mezzo ad un pitturato dove non vi è nessuno: l’azione probabilmente, simbolo, del momento black dei calabresi.

Dal terzo quarto in poi non ci sarà più storia con l’ordinaria amministrazione del Toro che spadroneggia e con una Pallacanestro Viola che mostra tutta la propria inadeguatezza in tutti i suoi effettivi.

Termina 62 a 47.

Occorre un cambio di rotta, tanta fortuna per tenere alla larga gli acciacchi fisici ed un successo, un casa del Monopoli che potrebbe variare un’involuzione tecnica anche morale per un roster che per larga parte del torneo aveva giocato punto a punto anche con le corazzate del torneo.

La società è giovane e farà bene a non operare extra budget qualora le tasche non lo consentano ma, questa squadra ha la necessità di star bene e di potenziare il roster così come hanno fatto le dirette concorrenti Catanzaro e Monopoli.

Frata Nardò – Pallacanestro Viola Reggio Calabria 62-47 (19-9, 18-20, 10-4, 15-14)

Frata Nardò: Federico Burini 18 (3/5, 4/6), Goran Bjelic 13 (5/6, 1/3), Marcelo Dip 8 (4/6, 0/0), Niccolò Petrucci 8 (2/7, 1/7), Mauro Stella 7 (2/2, 1/1), Emmanuel Enihe 4 (2/3, 0/4), Edoardo Fontana 4 (2/5, 0/3), Riccardo Coviello 0 (0/3, 0/3), Luka Cepic 0 (0/1, 0/0), Antony Tyrtyshnik 0 (0/0, 0/0), Diego Fracasso 0 (0/0, 0/0), Dimitrije Jankovic 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 1 / 4 – Rimbalzi: 42 8 + 34 (Marcelo Dip 12) – Assist: 18 (Federico Burini 5)

Pallacanestro Viola Reggio Calabria: Fortunato Barrile 15 (4/8, 2/4), Enrico maria Gobbato 12 (3/4, 2/6), Giulio Mascherpa 7 (1/6, 0/8), Yande Fall 6 (2/6, 0/0), Marco Prunotto 5 (2/3, 0/0), Salvatore Genovese 2 (1/8, 0/5), Paolo Frascati 0 (0/1, 0/1), Giovanni Centofanti 0 (0/0, 0/0), Federico Romeo 0 (0/0, 0/0), Luka Sebrek 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 9 / 15 – Rimbalzi: 38 11 + 27 (Yande Fall 13) – Assist: 6 (Giulio Mascherpa 2)

Show Buttons
Hide Buttons