Sms,lo showtime di fine anno con Viola e Reggina

 

 

Sms, Sport Music Show voleva emulare l’evento degli anni 90 che aveva portato tantissima gente nel maxi impianto reggino.

Colpa del maltempo? Colpa dei tempi che cambiano con i ragazzi di oggi ingabbiati dai “Mi Piace” e “Condividi” di Facebook? Può darsi.

Una grave sconfitta per tutta la Reggio sportiva e “sociale”: poco pubblico al PalaCalafiore. La gente ha probabilmente preferito rimanere a casa e non stare vicina ai propri beniamini sostenendo contemporaneamente l’obiettivo primario, la raccolta fondi per aiutare “Disabili No-Limits” verso l’acquisto di strumentazioni basilari per far volare qualche giovane calabrese verso le Paraolimpiadi di Londra 2012.

 

Due parterre pieni e festanti hanno comunque accolto le performance di Viola e Reggina all’interno di una serata davvero divertente.

Importanti e sincere le parole introduttive di Luigi Casile e Giusy Versace, impegnatissimi per la causa benefica “Disabili No-Limits”.

Alessandra Giulivo e Filippo Lo Presti hanno accolto squadre e Guest

Talenti del Calcio alle prese con i tiri a canestro, cestisti che s’involavano palla al piede e tanto divertimento.

E’ stata l’ultima partita con la maglia della Reggina Calcio per il “nativo” Missiroli, ingaggiato dal Sassuolo.

La voce di Rocco Musolino, affiancato dal vulcanico Mazzitelli ha condotto la cronaca della serata.

E’ stato bello vedere finalmente in azione i “Gemelli del Goal” Caprari e Grilli calpestare il parquet neanche fosse il Santiago Bernabeu.

I due coach, o mister,(Alessandro Fantozzi e Roberto Breda) come dir si voglia hanno mescolato al meglio le carte modulando uomini e mezzi disputando una partita tanto equilibrata quanto divertente.

Decisivo l’apporto di Luca Laganà: prima protagonista in negativo con un calcio di rigore procurato, subito dopo galattico al tiro in porta.

 

La gara degli “shoot-out”, calci di rigore in movimento, la giocheranno esclusivamente gli atleti della Viola Basket: Antonio Gambolati è apparso il più concreto con una grande stoccata di destro modello “Grande Torino”.

 

Il divertimento continua grazie all’incredibile entusiasmo del Comico Pasquale Caprì mutatosi prima nel Governatore Scopelliti, subito dopo nel Presidente Foti, passando per Nino Neri e Peppe Dattola intervenendo attivamente nei contributi a bordo campo di Michele Favano e Giovanni Mafrici.Nella gara,Sarno si esalta in palleggio, gli atleti della Viola aiutano i calciatori alla ricerca di schiacciate spettacolari e movimenti da Nba.

Il canestro più bello lo sigla senza dubbio Nicolas Viola: arresto e tiro da nove metri(praticamente dalla linea del Volley) con un’autorità da veterano.

Lo showtime finale lo regalerà Luca Laganà con due schiacciate da cineteca.

 

Chi ha vinto? Assolutamente nessuno.

La sfida finale, un ricco “tiro alla fune” riporterà in gara la squadra amaranto e quella nero-arancio per una serata piena di sorrisi che ha chiuso alla grande le attività agonistiche delle due formazioni reggine.

 

L’appuntamento con il sociale continua: chi fosse interessato potrà acquistare le maglie ufficiali della sfida indossate dai protagonisti recandosi al Centro Sportivo Sant’Agata, sede della Reggina Calcio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons