TERREMOTO COPPOLINO ED IL MONDO VIOLA

Cronache dalla Conferenza stampa del proprietario della Ncb. “Viola? E’ una, quella che ho acquistato io. Capisco che per entrare nel mito servono referenze. Mettetemi alla prova. Se mi mettete i bastoni tra le ruote me ne resto in Sicilia”.

“Giustamente i tifosi della Viola Reggio Calabria direbbero: Dottore Coppolino noi non siamo secondi a nessuno.

All’interno i 55 minuti di Conferenza Stampa, Aurelio Coppolino ne ha per tutti.

Un fiume in piena in rotta con la proprietà del Basket Barcellona, con i politici locali con i vertici di Lega e Fip ecc ecc.

Coppolino ha parlato molto anche di Viola, Basket Reggino ed humus territoriale.

Ecco le sue dichiarazioni

“Siamo signori sulla stessa barca e quello che sto dicendo lo sto dicendo per Barcellona e per Reggio Calabria.

Voi eravate terzi in A2, avete subito uno scippo.

Complimenti a Coach Calvani ed a tutta la squadra, alla dirigenza e complimenti alla città che ha sostenuto una squadra che stava facendo molto bene: io non posso arrivare a settembre, ottobre, ergo..sede a Reggio Calabria.

Cosa succede il pomeriggio di ieri?

Comunicato delle ore 17 della nuova Cestistica Viola, serie C Silver.

E’ un caso?

Il progetto che è portato avanti da persone perbene con il placet del Giudice Viola novantaduenne..mi scusi Giudice..è stato intempestivo a fare un comunicato ventiquattro ore prima di questa conferenza stampa.

So, da interposta persona che “il siciliano” non rappresenterebbe un progetto concreto.

Così come non siano meritevoli di approvazione e considerazione le persone che hanno portato avanti l’attività spendendo soldi senza avere nulla in cambio: non credo sia corretto.

Sicuramente sono stati fatti degli errori e li conoscono loro per primi ma tutte le persone che all’atto dei fatti si sono rivoltati, dov’erano prima?

Mani in tasca chi le ha messe?

I quattro cardini del progetto di Coppolino sono gli stessi a Reggio Calabria, Barcellona, New York e Bombay.

Chi vuole fare impresa sportiva  e non vuole fare altro i cardini sono Programmazione, sostenibilità economica, condivisione e giovani.

Se manca uno di questi cardini il progetto viene meno.

A Reggio Calabria in quattro anni partendo dalla B deve essere A1 perché c’è un Palazzo ed una storia che lo permettono.

Dirò al Sindaco,entrando in punta di piedi, per avere una approvazione massima sul progetto dovrò dimostrare prima di chiedere: io non ho investitori? Io mi sono assunto impegni per oltre cinquecento mila euro.

Qualora il primo grado di giudizio non andasse a buon fine avrei il piacere di coinvolgere all’interno di un tavolo aperto, dopo il placet del sindaco del Pianeta Viola, PalaCalafiore, vorrei invitare a parlare Scuola di Basket Viola, Lumaka, Vis, Nuova Jolly, Botteghelle..altre.

Se prima di parlare a Reggio Calabria c’è uno strumentale “metti i bastoni tra le ruote” (andatevi a leggere i commenti sui social network” dei vostri cittadini.

Mi mettevate alla prova: investitori, progetti, assegni ecc. e dopo partivate in quinta.

Cosa farà Aurelio Coppolino? Verrà presentato ricorso e si attende il primo grado di giudizio, orientativamente entro il trenta di luglio.

Il nuovo “payoff” della Viola qualora si concretizzasse l’arrivo di Coppolino a Reggio sarà “La Viola non muore mai”. Coppolino ha dichiarato in conferenza di aver già un accordo verbale per il logo Viola con i rispettivi proprietari.

 

[wpdevart_youtube]vPqfMVN3q1o[/wpdevart_youtube]

 

Show Buttons
Hide Buttons