Un gioco marcio..

, probabilmente più importanti.In Italia quando si parla di sport, si parla di Calcio.Avete mai acquistato quotidiani come Gazzetta delo Sport,Tuttosport e Corriere dello Sport? Trentadue pagine di calcio, mezza di basket, un articoletto di volley,mezza pagina di Formula uno.

 

Il Basket dopo la vicenda Baskettopoli ed un calo vertiginoso dell’interesse vivacchia in una profonda crisi nazionale.

Vi consigliamo di leggere un articolo di una delle firme principali del basket d’Italia, lo storico Enrico Campana, ideatore dell’Enciclopedia del Basket che analizza una situazione gravissima Link

Nel Calcio, invece, la situazione è ancor più grave,ecco cosa scrive la Repubblica

MILANO – Scommesse, una retata fa tremare il mondo del calcio. Con 16 persone agli arresti, sette in carcere e nove ai domiciliari. Accusate a vario titolo di aver fortemente condizionato negli ultimi mesi il risultato di alcuni incontri dei campionati di serie B e di Lega Pro. Tra di loro c’è anche l’ex attaccante della Nazionale, di Lazio e Bologna, Beppe Signori, StefanoBettarini ex marito di Simona Ventura e Cristano Doni, capitano dell’Atalanta. L’operazione è stata portata avanti dalla polizia di Cremona, coordinata dal Servizio Centrale Operativo (SCO) e in stretta collaborazione con le questure di Bari, Como, Bologna, Rimini, Pescara, Ancona, Ascoli Piceno, Ravenna, Benevento, Roma, Torino, Napoli e Ferrara. Me nelle carte delle inchiesta spuntano anche scommesse su partite di Serie A: Beppe Signori aveva puntato 150 mila su Inter-Lecce perchè aveva ricevuto garanzia sull’esito dell’incontro.

Sei mesi di indagini. I soggetti coinvolti, uno dei quali con precedenti per reati analoghi, sono stati individuati in sei mesi di investigazioni. Ci sono ex giocatori di serie A, calciatori di serie minori ancora in attività e dirigenti di società. Tra gli arrestati vi sono anche titolari di agenzie di scommesse e liberi professionisti, mentre gli indagati sarebbero complessivamente una trentina. Gli arresti sono stati eseguiti dagli uomini della polizia a Bari, Como,

Bologna, Rimini, Pescara, Ancona, Ascoli, Ravenna, Benevento, Roma, Torino, Napoli e Ferrara. Nel corso dell’operazione sono state eseguite anche una serie di perquisizioni nelle abitazioni degli indagati, in alcune ricevitorie e presso uno studio di commercialisti che avrebbero consentito di acquisire ulteriori elementi utili alle indagini. 

Nomi eccellenti. Oltre a Beppe Signori e Stefano Bettarini, sono coinvolti in questa operazione altri personaggi conosciuti. Tra i quali alcuni atleti ancora in attività. Antonio Bellavista ex capitano del Bari considerato uno dei coordinatori del gruppo. Come il difensore dell’Ascoli Vittorio Micolucci e il suo compagno di squadra  Vincenzo Sommese, oltre a Gianfranco Parlato, ex giocatore di serie B e C, attualmente collaboratore del Viareggio calcio. Sommese, ex capitano dell’Ascoli, era stato messo fuori rosa già lo scorso inverno dalla società bianconera. Micolucci ha invece contribuito fino alla fine del campionato, domenica scorsa, alla salvezza conquistata dall’Ascoli. Entrambi sono stati arrestati ad Ascoli. Parlato a Grottammare. Arresti anche per l’ex calciatore Mauro Bressan, 40 anni. L’ordinanza all’ex centrocampista di Fiorentina, Genoa, Venezia, Foggia, Bari, Cagliari e Como è stata notificata oggi nella sua abitazione di Cernobbio dalla squadra mobile comasca.Bressan ha vinto la coppa Italia del 2001 con la Fiorentina e ha poi concluso la sua carriera in Svizzera.

“Vera organizzazione criminale”. I calciatori e gli ex giocatori professionisti arrestati dalla polizia erano parte integrante di una vera e propria “organizzazione criminale” nella quale ognuno aveva specifici compiti e ruoli, il cui obiettivo era quello di manipolare gli incontri a loro vantaggio. Gli indagati, secondo l’indagine, sarebbero anche riusciti a condizionare alcune partite, attraverso accordi verbali e impegni di carattere pecuniario. Nei confronti dei sedici arrestati, sostengono gli investigatori, ci sono prove “importanti ed inconfutabili”. L’indagine, partita sei mesi fa, avrebbe consentito inoltre di individuare la responsabilità dell’organizzazione in un grave evento verificatosi in occasione di un incontro di calcio disputatosi al termine dello scorso anno proprio a Cremona.  Quanto avvenuto in occasione di quell’incontro ha permesso ai poliziotti di allargare l’indagine a diversi soggetti gravitanti nel mondo del calcio che, grazie ai contatti diretti ed indiretti, erano in grado di condizionare i risultati di alcuni incontri per poi effettuare puntate di consistenti somme di denaro attraverso i circuiti legali delle scommesse sia in Italia che all’estero.

“Calmanti ai calciatori”. Tra gli aspetti emersi  nel corso dell’indagine anche i metodi usati per condizionare i risultati degli incontri. Come i calmanti dati ai calciatori, in modo che giocassero al di sotto delle loro possibilità. L’episodio si sarebbe verificato alla fine del campionato scorso della Lega Pro e coinvolgerebbe la Cremonese. In occasione di una sfida importante, uno degli indagati avrebbe messo nelle bibite a disposizione dei calciatori prima e durante l’incontro un calmante per ‘addormentarli’ e peggiorare le loro prestazioni. Al termine della partita cinque giocatori e un massaggiatore della squadra si sarebbero sentiti male. Da quell’episodio sarebbe scattata l’indagine che ha portato agli arresti di oggi.  Nel corso della perquisizione di questa mattina nella casa di uno degli indagati sono stati rinvenuti i tranquillanti e le prescrizioni mediche.

Signori, passione per le puntate. Dicono che scommetta su tutto Beppe Signori, come quella volta che si giocò un milione di lire impegnandosi a mangiare un buondì camminando, entro 30 passi. Nessun altro ci riusciva. Una passione per le puntate, a quanto pare anche su situazioni banali della vita quotidiana, che è quasi un’ossessione, una sua caratteristica come i calci di punizione e i rigori tirati da fermo. Ma stavolta non è uno scherzo per l’ex grande attaccante. Quarantatre anni, nato ad Alzano Lombardo nel bergamasco, è stata una delle punte più forti degli anni ’90 in Italia e in Europa. Tre volte capocannoniere della serie A (1993, 1994 e 1996), sempre con la Lazio, Signori e’ l’ottavo bomber di sempre nella storia del campionato con 188 reti. “E segna sempre lui…”, cantavano i tifosi biancocelesti. Ha vinto in carriera solo una Coppa Italia nel 1998 con la squadra romana. Poi ha militato nella Sampdoria e nel Bologna. In Nazionale ha giocato 28 partite e segnato 7 gol. Si è ritirato nel 2006 dopo alcune esperienze all’estero. Ha legato la sua carriera anche al Foggia allenato da Zdenek Zeman, tra il 1989 e il 1992. Indimenticabile il trio d’attacco formato nei ‘satanelli’ assieme a Ciccio Baiano e Roberto Rambaudi, terminale del gioco spettacolare del tecnico boemo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons