Una Viola di padre in figlio

 

 

Chissà se il numero di maglia all’interno di questo passaggio che ha dell’incredibile sarà lo stesso anche per il giovane saltatore Francesco, il nuovo totem della Viola, ovvero la canotta numero tredici

I ricordi di Gianfranco Quaglia sono chiari e nitidi per chi porta ancora con se una memoria storica nero-arancio assolutamente florida. Era un grande giocatore ci dicono, aveva un bel tiro e sapeva difendere forte.

Dalle due foto d’epoca ritrovate apprendiamo che Gianfranco Quaglia ha scritto pagine di storia nero-arancio sotto la guida di Coach Moizo e del suo Assistente Melara. C’erano già Paiusco e Rossi così come i nativi Cesare Sant’Ambrogio,Enzo Putortì e Salvatore Canale. Ricordi di una Viola che puntava a crescere e che ricorda tanto, per certi versi la Viola di adesso dove Francesco Quaglia vuole diventare protagonista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons