Valerio Costa da Reggio con furore

 

 

Valerio a luglio eravate in 24 fra i migliori d’Italia aspiranti agli europei, ad agosto sei riuscito a rientrare fra i 12: ci hai sempre creduto o pensavi fosse impossibile?

Io sinceramente ci ho sempre creduto e ho dato il massimo perchè, come hai detto tu, siamo partiti a luglio in 24 e sapevamo già benissimo che solo 12 avrebbero fatto parte dell’europeo quindi diciamo che ogni giorno in allenamento era una “lotta” molto competitiva per cercare di dare il massimo giorno dopo giorno.

– Alla vigilia dell’Europeo l’Italia era consiferata, da molti addetti nostrani, squadra di “seconda fascia” ma avete stupito tutti conquistando un quarto posto pur sempre importantissimo per le qualificazioni ai mondiali:
Il nostro obiettivo era quello di salvarci perchè nessuno si aspettava che avremmo ottenuto un risultato così importante; prima delle partite c’era grande tensione in spogliatoio e il solito “mal di pancia” pre partita, soprattutto in occasione del match contro l’Ucraina durante il quale ci siamo giocati l’accesso alla seconda fase.
Andando avanti pensavamo singolarmente ad ogni partita preparandola nei minimi dettagli, così facendo siamo arrivati ai quarti di finale dove abbiamo incontrato la Turchia e contro la quale ci giocavamo l’accesso importantissimo ai mondiali. Per nostra fortuna abbiamo fatto una grande partita di grande sacrificio e intensità, la posta in palio era importantissima, sapevamo di avere tutte le carte in regola per stupire e ottenere qualcosa in più, coach Bocchino ha tenuto alta la concentrazione in tutti noi e così siamo riusciti a strappare il pass per Dubai


– Mentre in estate tutti vanno al mare, tua cugina Roberta (Vozza), preparatrice fisica, ti ha trascinato in palestra a fare fondamentali e lavoro atletico individuale… brutto avere una cugina così
Io invece sono contentissimo e davvero fortunato ad avere una cugina cosi perchè mi ha seguito in ogni cosa e mi ha aiutato a prepararmi alla grande per raggiungere l’europeo ed è per questo che la ringrazio perchè anche lei ha fatto dei sacrifici importanti per aiutarmi ed è anche grazie a lei che sono riuscito a guadagnarmi un posto per l’europeo.

– L’anno sportivo che sta per iniziare lo trascorrerai nel settore giovanile importante di Casalpusterlengo, epserienza nuova ma altamente formativa, sei pronto per questa avvventura?
Sono pronto e carico per iniziare questa nuova esperienza perchè riuscirò a confrontarmi in una realtà completamente diversa e dove avrò senza dubbio la possibilità di crescere e migliorare.

– Cos’hai provato ad indossare quella maglia con su scritto ITALIA?
E’ stato veramente fantastico perchè sai che sei in un torneo così importante a rappresentare la tua nazione quindi per me è stato veramente un onore far parte di quel gruppo ristretto di 12 giocatori.

– L’Italia si qualifica ai mondiali 2014, ci vediamo a Dubai?
La conquista del mondiale è stato veramente un obiettivo che nessuno si aspettava ed èanche per questo che eravamo esaltati quando siamo riusciti a conquistarlo. Adesso ti aspetto a Dubai e vedi che c’è Davide Arillotta che è già pronto a partire.

E così anche il prossimo anno non potrai giocare con noi a Siderno, dimmi un po se ti sembra giusto… il direttore Mario Vetere ha l’intenzione seria di cancellarti dagli amici di facebook
Temevo la reazione dell’esimio direttore Mario Vetere, ho già fatto richiesta dello spostamento delle date del mondiale per evitare le sue percosse e giocare con lui a Siderno. Promesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons