Viola contro Treviso, corsi e ricorsi storici

Treviso !!! Basta solo citarla per riaccendere la fiamma che non si è mai spenta da quel lontano 18 Aprile 1993. Due città e due società che hanno scritto pagine di storia della pallacanestro italiana e che torneranno ad affrontarsi domenica 11 Gennaio a Reggio Calabria dopo quasi 10 anni dall’ultima sfida al Pentimele.

Ma ridurre Viola-Treviso al ricordo di quel 18 Aprile 1993 sarebbe un peccato.

L’11 Gennaio 2015 segnerà, infatti, il 50esimo confronto in serie A1 ed A2 tra le due squadre negli ultimi 32 anni.

La prima gara in A è datata 18 Dicembre 1983. Si gioca al Palaverde di Treviso, inaugurato due mesi prima (i trevigiani giocavano le gare casalinghe a Padova); è la Benetton di coach Mauro Di Vincenzo contro la neopromossa Viola, alla stagione di esordio in A2, guidata da Cacco Benvenuti. Ma in quella gara Benvenuti non c’è, non sta bene e tocca allora ad un giovanissimo Gaetano Gebbia. E’ una gara storica perchè è proprio contro la Benetton che i neroarancio vincono la prima gara fuori casa in A2 (finirà 59-60 con un finale thrilling). Treviso restituirà lo smacco nella gara di ritorno, espugnando il Botteghelle per 79-80 il 25 Marzo 1984. I neroarancio chiudono poi la stagione a metà classifica ma dominano quella successiva (1984-1985) ottenendo il 10 Marzo 1985 la prima storica promozione in A1.

Anche nella stagione successiva tra Viola e Treviso fu una vittoria per parte (20/12/1984 Benetton-Opel 104-95, 24/03/1985 Opel-Benetton 101-85): i reggini si classificarono al primo posto, i trevigiani subito dietro tornando anche loro in serie A1 dopo tre anni di purgatorio.

La stagione 1985-86 vede due successi neroarancio, in casa ed a Treviso (01/12/1985 Opel-Benetton 82-70 e 09/03/1986 Benetton-Opel 90-91) ma i reggini non riescono ad evitare la retrocessione (davvero rocambolesca); anche la Benetton, dopo una stagione terribile con sole otto vittorie, torna in A2.

Nella stagione 1986-87 Treviso restituisce le due sconfitte della stagione precedente: ed è proprio la gara che si gioca il 12 Ottobre 1986 al Botteghelle a segnare in negativo la stagione della Viola; i reggini sono avanti di 2 a pochi secondi dalla sirena con possesso palla in mano. Sembra fatta, non resta che mettere la palla “in cassaforte” tra le mani di Massimo Bianchi, ma Joe Bryant vuole strafare e perde clamorosamente il pallone; è Massimo Iacopini a raccoglierlo a due secondi dalla fine ed a sparare una tripla da dieci metri che va a segno: finirà (incredibilmente) 61-62; la gara di ritorno, giocata il 04/01/1987, è invece una passeggiata per Treviso (Benetton-Standa 100-78). I veneti dominano il campionato e tornano in A1 da primi classificati, la Viola resta in A2 e le strade delle due squadre si separano.

Ma non del tutto.

Perchè nella stagione 1987-88, con la Viola in A2 e Treviso in A1, il destino le fa incrociare nuovamente nel girone giallo dei playout. A Treviso, il 10 Aprile 1988, finisce 96-93, a Reggio si gioca il 1° Maggio 1988 ed i neroarancio escono sconfitti in casa, a testa altissima, per 87-92 ma fu una sconfitta decisiva per la speranza di promozione dei reggini. La Benetton riesce a mantenere la serie A1, la Viola resta in A2 ma perde lo zoccolo duro degli anni ’80: lasciano Bianchi, Campanaro e Kim Hughes.

Ma era appena iniziato il “futuro”.

Nella stagione 1988-89 Viola (in A2) e Treviso (in A1) non si affrontano (per la prima volta dopo cinque stagioni consecutive), si ritroveranno la stagione successiva perchè la Viola il 29 Marzo 1989, nonostante una sconfitta a Brescia, riconquista la promozione in A1.

La stagione 1989-1990 vede l’esordio in casa proprio contro Treviso; è la Viola di Santoro, Bullara, Tolotti, Avenia, Caldwell… dall’altra parte Villalta, Massimo Minto e Dan Gay. I neroarancio vincono 85-84 il 1° Ottobre 1989 ma perdono malamente a Treviso per 85-71 il 14 Gennaio 1990. La stagione della Viola terminerà ai quarti di finale scudetto contro Varese, con una storica qualificazione alla Coppa Korac e l’ancor più esaltante e storica eliminazione della Philips Milano.

Nel 1990-91, stagione dell’apertura del PalaCalafiore e della nascita del Centro Viola, la Viola veste Panasonic. L’inizio non è dei migliori ed il 14 Ottobre 1990 i reggini prendono un’imbarcata a Treviso (116-91). Il girone d’andata è disastroso. Al ritorno, però, il 20 Gennaio 1991, i neroarancio si riscattano, superando la Benetton per 103-87 con 41 (quarantuno) punti e 10 rimbalzi di uno stratosferico Michael Young. Lo straordinario girone di ritorno non basterà però per evitare la retrocessione ai playout. E’ di nuovo serie A2.

L’annata 1991-92 è, però, trionfale ed il 15 Marzo 1992 si festeggia il ritorno in A1.

Quella successiva (1992-1993) sarà la stagione dei sogni ma anche del “triste” epilogo. La Panasonic di Carlo Recalcati e Giovanni Benedetto parte da “matricola” ma si rivelerà la vera sorpresa del torneo con serissime possibilità di vittoria dello scudetto. Nella stagione regolare il 20 Dicembre 1992 la Panasonic distrugge in casa la Benetton per 107-85 con 26 punti di Donato Avenia e 21 di Sasha Volkov. Al ritorno, il 25 Marzo 1993, la Benetton, trascinata da Toni Kucoc e Stefano Rusconi (21 punti a testa), batte la Viola 97-86. Il clou arriva, però, nei playoff scudetto: la Viola supera Reggio Emilia agli ottavi ed ai quarti è sfida su tre gare contro la Benetton. Treviso ha il vantaggio del fattore campo e gara-1 è della Benetton che, il 6 Aprile 1993, vince al Palaverde per 102-93. Il 10 Aprile 1993 si gioca gara-2 in un Pentimele con 9.000 spettatori: a Treviso non bastano i 31 punti di Iacopini, a Pentimele non si passa e la Viola vince 87-85 e va sull’1-1.

La gara decisiva si gioca a Treviso il 18 Aprile 1993, davanti alle telecamere di TeleMontecarlo.

La Benetton deve fare a meno di Toni Kukoc, infortunatosi nella finale di Eurolega ad Atene contro il Limoges, conclusasi con fortissime polemiche arbitrali e con lo sfogo di Benetton che sbotta: “O tutelano la mia squadra o lascio la pallacanestro”. Sembra una minaccia, si scoprirà che, purtroppo, lo era eccome. Il 18 Aprile 1993 si consuma la “sconfitta” più brutta della storia della Viola, proprio perchè non è stata una sconfitta sul campo ma decisa “a tavolino”.

Gli arbitri sono Maggiore e Teofili (alla sua ultima partita della carriera). La Panasonic domina il match ed è avanti anche di 10 punti a pochi minuti dal termine; da qui inizia l’imponderabile… tutte le decisioni arbitrali sono a favore di Treviso, che rientra in partita ed a pochi secondi dalla fine è a +2. Sulla rimessa da fondo campo Avenia pesca sottocanestro Garrett che realizza; supplementare per tutti, Maggiore convalida ma Teofili, primo arbitro, decide di “consultare il tavolo”. A quel punto la decisione è demandata al tavolo degli ufficiali di campo, ovviamente tutti della zona. Treviso è alle corde, senza Kucoc e stremata dopo il viaggio da Atene, con gran parte della squadra carica di falli; non avrebbe molte possibilità di vittoria ai supplementari.

La decisione è quella (clamorosa) di invalidare il canestro e la Benetton vince 84-82 e vola in semifinale.

Quel giorno rimarrà per sempre nella storia della Viola; fu l’umiliazione dei valori dello sport ed impedì alla Viola di raggiungere una storica finale scudetto (in semifinale i neroarancio avrebbero incontrato la Scavolini già sconfitta per tre volte e con il vantaggio del fattore campo).

Anche dal punto di vista economico quell’eliminazione segnò un colpo tremendo al futuro della Viola; lo sponsor Panasonic non rinnovò il contratto di sponsorizzazione ed il ridimensionamento fu inevitabile.

E’ la Pfizer a sostituire la Panasonic nella stagione 1993/1994 ma si è costretti a fare a meno di Volkov, Garrett, Avenia e Sconochini. Il 19 Dicembre 1993 si gioca di nuovo al Palaverde di Treviso, teatro del “furto”. La Benetton vince per 98-92. Al ritorno, il 27 Marzo 1994, in un Pentimele ribollente di tifo come non mai, la Pfizer supera Treviso per 66-64. E’ una stagione davvero ottima, nonostante il ridimensionamento, e la Pfizer viene eliminata nuovamente ai quarti di finale, stavolta dalla Scavolini Pesaro.

Nell’annata 1994-1995 serve un altro miracolo; la stagione inizia con un prestigiosissimo successo a Treviso, il 18 Settembre 1994, per 76-77. I nuovi arrivati sono Fantozzi, Alexis e Vandiver, dall’altra parte a Treviso, allenata da Mike D’Antoni, ci sono Petar Naumoski e l’ex Ken Barlow. Al ritorno al Pentimele, il 3 Dicembre 1994, davanti alle telecamere della RAI, è Randy White a trascinare la Pfizer al successo contro la Benetton, a cui non bastano i 34 punti di Pittis ed i 22 (con tredici rimbalzi) di Rusconi.

Inutile sottolineare come, da quel 18 Aprile 1993, tutte le gare casalinghe contro Treviso hanno sempre rappresentato qualcosa che andava ben oltre l’evento sportivo.

La stagione 1995-1996 vede in panchina il ritorno di Tonino Zorzi con Yemen Sanders e Lance Miller come stranieri. Nonostante l’ennesimo ridimensionamento la Viola nella gara contro Treviso non tradisce le attese e sfodera una prestazione che va al di là di ogni immaginazione: è ancora la Benetton di coach Mike D’Antoni, con Henry Williams e Željko Rebraca, ed i neroarancio vincono per 72-70.

Il 28 Gennaio 1996 al Palaverde la Benetton ha, però, vita facile e supera la Viola per 100-78

L’anno dopo, 1996-1997, la squadra è affidata a Gaetano Gebbia, che nonostante le difficoltà societarie, riesce a costruire un roster di livello con Brian Oliver e Mike Brown. La partita in casa contro la Benetton, però, non termina con l’esito sperato: arriva una sconfitta per 65-77 grazie ai 31 punti di Henry Williams. I neroarancio si rifaranno, però, ampiamente al ritorno, superando la Benetton al Palaverde il 1° Marzo 1997 per 67-69 con una straordinaria prestazione di Gustavo Tolotti e del solito Oliver.

La stagione 1997-1998 è piena di difficoltà (il 23 Dicembre 1997 il Tribunale dichiarerà il fallimento): arrivano Dedric Willoughby, Jay Jay Larranaga e Diego Fajardo.

Il 7 Dicembre 1997 è sconfitta in casa contro la Benetton per 75-85, complice una super serata di Williams (25 punti) e Rebraca (27 punti). L’ultima vittoria neroarancio in quella stagione è del 25 Gennaio, poi dieci sconfitte consecutive, compresa Treviso. Troppo forte la Benetton che anche al ritorno, il 19 Marzo 1998, supera la Viola per 87-67 con un super Henry Williams (31 punti e 7/12 da tre).

Arriva, purtroppo, la retrocessione in A2.

Nel 1998-1999 entra in società Santo Versace, Gebbia, con ottimi giudizi di Sconochini e Rifatti, porta a Reggio Calabria Emanuel Ginobili che con Oliver e Brent Scott riporta l’entusiasmo a Pentimele. Nella finale contro Biella sono 10.000 spettatori ed i neroarancio tornano in A1.

La stagione 1999-2000 passerà alla storia come la migliore di sempre; Gebbia porta a Reggio Calabria anche Alejandro Montecchia. Il 3 Ottobre 1999 la Viola supera in casa la Benetton per 63-61 con 18 punti di Ginobili. I trevigiani si rifaranno al ritorno, il 23 Gennaio 2000, trascinati da Tyus Edney (86-68 il finale).

E’ una stagione super per la Viola che si concluderà con l’eliminazione in gara-5 dei quarti di finale contro la Kinder Bologna di Ettore Messina, che a fine stagione acquisterà Ginobili proprio dalla Viola.

Nella stagione 2000-2001 Gebbia porta a Reggio Calabria Gianella, Palladino e Carlos Delfino con Thierry Gadou e Brent Scott. Lascia, invece, dopo dodici stagioni, il Capitano Sandro Santoro. La stagione è difficilissima, Gebbia viene incredibilmente esonerato il 1° Gennaio 2001, proprio alla vigilia della gara contro la Benetton al Palaverde di Treviso. Il 3 Gennaio 2001 in panchina c’è provvisoriamente Massimo Bianchi e la Benetton stravince per 94-70. Qualche giorno dopo arriva Tonino Zorzi. Nella gara di ritorno, giocata l’8 Aprile 2001 al Pentimele, la Viola supera brillantemente i trevigiani per 97-90.

Ottenuta una miracolosa permanenza in A1, l’estate del 2001 vede l’arrivo del ciclone Barbaro e subito dopo Agostino Silipo rileva tutto da Versace.

Non si fa, però, in tempo a costruire la squadra per le prime giornate e dopo la batosta di Roma arriva la sconfitta in casa contro la Benetton per 72-90 con tanti giovanissimi reggini nel roster. Anche al ritorno, il 19 Gennaio 2002, nonostante la squadra fosse ampiamente in ripresa, nulla da fare a Treviso dove si esce sconfitti per 102-86, nonostante i 24 punti di Brian Evans e l’ottima prestazione di Tony Williams e J.J. Eubanks.

La stagione successiva 2002/2003 è straordinaria. La squadra è affidata a Lino Lardo con Alessandro Giuliani come vice. In regular season arrivano due sconfitte contro la Benetton (il 5 Gennaio 2003 in casa per 68-76 ed il 3 Maggio 2003 al Palaverde per 68-63).

Ma non è finita qui.

Perchè una volta superata al primo turno dei playoff Roseto, ecco di nuovo, ancora ai quarti di finale, ed esattamente dieci anni dopo quell’Aprile 1993, la Benetton Treviso, allenata da Ettore Messina.

Questa volta la serie è al meglio delle 5. La Viola sbanca clamorosamente in gara 1 il Palaverde con una tripla di Rombaldoni (73-74). E’ il 15 Maggio 2003. In gara-2, il 18 Maggio 2003, in un Pentimele straordinariamente pieno, ecco il bis: 65-58 con 21 punti di Eubanks e 20 di Rombaldoni e serie sul 2-0. Il 20 Maggio 2003 la Benetton sfodera una prova di forza e vince 97-70 al Palaverde ma in gara-4 la Viola si gioca l’opportunità di raggiungere la semifinale scudetto in casa propria, al Pentimele.

E’ il 22 Maggio 2003: arbitrano Sabetta, Grossi e Facchini. La Viola è clamorosamente avanti a pochissimi minuti dalla fine quando l’arbitro Facchini inizia a fischiare a senso unico e Tyus Edney fa il resto sfoderando una prova monstre (27 punti con 5/6 da tre). La Benetton recupera il gap e vince 63-65.

Ancora una volta il sogno si infrange, nulla da fare in gara-5 a Treviso, dove il 25 Maggio 2003 la Benetton vince facilmente per 79-59.

Una sconfitta che, ancora una volta, esattamente dieci anni dopo ed ancora contro la Benetton, segna l’inizio di una nuova parabola discendente.

La stagione 2003/2004 è comunque dignitosa. Il 26 Ottobre 2003 è sfida al Palaverde dove la Benetton di Ettore Messina ha vita facile e supera la Viola, sponsorizzata Tris, per 92-68. Il ritorno è fissato al 22 Febbraio 2004 ma l’esito è lo stesso: vittoria per la Benetton (87-93).

Nel 2004/2005, doppia sconfitta contro la Benetton (13 Ottobre 2004, Eurofiditalia-Benetton 69-93 e 6 Febbraio 2005, Benetton-Eurofiditalia 107-70) ed arriva anche la retrocessione in A2 dopo una drammatica sconfitta all’ultima giornata a Livorno.

Nella stagione 2005/2006 la Viola viene ripescata in serie A1, a seguito del clamoroso fallimento della Scavolini Pesaro. Squadra assegnata a coach De Raffaele. Il 9 Ottobre 2005 si gioca la prima giornata di campionato ed il calendario riserva alla Viola proprio la Benetton Treviso.

In una serata a dir poco magica, i neroarancio riescono a vincere con due canestri incredibili: il primo di Vincent Yarbrough che sulla sirena dei regolamentari porta la gara al supplementare e nell’overtime con una tripla da otto metri di Giovacchini che segna cadendo indietro.

Al ritorno (il 29 Gennaio 2006) la Benetton si riscatterà con un successo per 89-67. La vittoria nella prima gara casalinga del campionato resterà l’unico ricordo indelebile di quella stagione, che si rivelò poi un autentico disastro e portò alla retrocessione in A2.

Nel 2006/2007 la squadra è affidata a Paolino Moretti che lavora bene e chiude il campionato di A2 ottenendo una tranquilla salvezza. La squadra, però, purtroppo non verrà iscritta al campionato nella stagione successiva e scomparirà dai palcoscenici del basket che conta.

Domenica 11 Gennaio 2015, a 3381 giorni da quel lontano 9 Ottobre 2005, Treviso (ormai non più Benetton ma De’ Longhi) tornerà a calcare di nuovo il parquet del Pentimele. Nella gara d’andata, la prima di campionato di questa stagione, i reggini sono andati vicinissimi alla vittoria, perdendo solo nel finale per 83-76 dopo aver giocato alla pari fino alla fine.

Domenica prossima, dopo dieci lunghi anni, due protagoniste assolute della storia della pallacanestro italiana torneranno ad affrontarsi in uno dei palasport più belli d’Italia.

Reggio Calabria è chiamata a rispondere presente, per una gara che farà inevitabilmente tornare in mente tutto ciò che è stato. La Viola vuole riprendersi la Storia.

Nino Romeo per Reggioacanestro.com

I PRECEDENTI  (vittorie: Treviso 31, Viola 18)

1983-1984 Serie A2

18/12/1983   Benetton-Banca Popolare 59-60

25/03/1984   Banca Popolare-Benetton 79-80

1984-1985 Serie A2

20/12/1984   Benetton-Opel 104-95

24/03/1985   Opel-Benetton 101-85

1985-1986 Serie A1

01/12/1985   Opel-Benetton 82-70

09/03/1986   Benetton-Opel 90-91

1986-1987 Serie A2

12/10/1986   Standa-Benetton 61-62

04/01/1987   Benetton-Standa 100-78

1987-1988  Viola in A2, Treviso in A1 (Playout – girone giallo)

10/04/1988   Benetton-Standa 96-93

01/05/1988   Standa-Benetton 87-92

1988-1989   Nessun incontro

1989-1990 Serie A1

01/10/1989   Viola-Benetton 85-84

14/01/1990   Benetton-Viola 85-71

1990-1991   Serie A2

14/10/1990  Benetton-Panasonic 116-91

20/01/1991  Panasonic-Benetton 103-87

1991-1992   Nessun incontro

1992-1993   Serie A1

20/12/1992  Panasonic-Benetton 107-85

25/03/1993  Benetton-Panasonic  97-86

06/04/1993  Benetton-Panasonic 102-93 (gara-1 quarti di finale playoffs)

10/04/1993  Panasonic-Benetton  87-85 (gara-2 quarti di finale playoffs)

18/04/1993  Benetton-Panasonic  84-82 (gara-3 quarti di finale playoffs)

1993-1994   Serie A1

19/12/1993  Benetton-Pfizer 98-92

27/03/1994  Pfizer-Benetton 66-64

1994-1995   Serie A1

18/09/1994  Benetton-Pfizer 76-77

03/12/1994  Pfizer-Benetton 86-85

1995-1996   Serie A1

22/10/1995  Viola-Benetton  72-70

28/01/1996  Benetton-Viola  100-78

1996-1997   Serie A1

17/11/1996  Viola-Benetton  65-77

01/03/1997  Benetton-Viola  67-69

1997-1998   Serie A1

07/12/1997  Viola-Benetton  75-85

19/03/1998  Benetton-Viola  87-67

1998-1999   Nessun incontro

1999-2000   Serie A1

03/10/1999  Viola-Benetton 63-61

23/01/2000  Benetton-Viola 86-68

2000-2001   Serie A1

03/01/2001  Benetton-Viola 94-70

08/04/2001  Viola-Benetton 97-90

2001-2002   Serie A1

27/09/2001  Viola-Benetton 72-90

19/01/2002  Benetton-Viola 102-86

2002-2003   Serie A1

05/01/2003  Viola-Benetton 68-76

03/05/2003  Benetton-Viola 68-63

15/05/2003  Benetton-Viola 73-74 (gara-1 quarti di finale playoffs)

18/05/2003  Viola-Benetton 65-58 (gara-2 quarti di finale playoffs)

20/05/2003  Benetton-Viola 97-70 (gara-3 quarti di finale playoffs)

22/05/2003  Viola-Benetton 63-65 (gara-4 quarti di finale playoffs)

25/05/2003  Benetton-Viola 79-59 (gara-5 quarti di finale playoffs)

2003-2004   Serie A1

26/10/2003  Benetton-Tris 92-68

22/02/2004  Tris-Benetton 87-93

2004-2005   Serie A1

13/10/2004  Eurofiditalia-Benetton 69-93

06/02/2005  Benetton-Eurofiditalia 107-70

2005-2006   Serie A1

09/10/2005  Viola-Benetton 79-76

29/01/2006  Benetton-Viola 89-67

2014-2015   Serie A2 Silver

05/10/2014  De’ Longhi-Viola 83-76

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons