Viola, la Scavolini è troppo forte

Comincia con una sconfitta l’avventura dei giovani nero-arancio al Torneo Cadetti Bruna Malaguti, organizzato dalla BSL di San Lazzaro (Bologna). Tra le mura del PalaRodriguez, la Viola cede il passo ai più preparati (fisicamente e mentalmente) pesaresi della Scavolini, che dopo due quarti combattuti ed equilibrati, scappano via fino al +35 finale.

Il quintetto schierato da coach Di Manno è formato da Viglianisi in cabina di regia, Rappoccio e Iero esterni, Cuzzola e D’Amico (la new entry siciliana) sotto canestro. La Scavolini risponde con Cercolani play, Giacomini e Urbani esterni, e il duo Perini-Cesana come lunghi.

L’avvio di gara è tutto a favore dei pesaresi, che piazzano un parziale di 10-0 nei primi 5 minuti, con i nero-arancio che non riescono in alcun modo a trovare la via del canestro. A metà primo quarto Rappoccio sblocca finalmente le marcature dei suoi con un jumper dalla media distanza e, grazie ai canestri di Smorto, Lombardo e Lupusor, il primo quarto si chiude sul 12-18 in favore della Scavolini.

Al rientro in campo, i calabresi riescono a giocare con velocità e, pur pagando qualcosa sotto canestro, si spingono fino al -3, a metà 2° periodo, con un D’Amico perfetto dalla lunetta. I pesaresi non ci stanno, e, stringendo le maglie in difesa, arrivano a chiudere la frazione sul +8. Il collettivo biancorosso gioca alla grande, e fa segnare praticamente tutti i suoi giocatori, distribuendo bene le marcature. All’intervallo il tabellone segna 32-40.

I neroarancio rientrano malissimo dagli spogliatoi, e il gioco ne risente: solo 10 punti segnati dai reggini, a fronte di 22 subiti. È in questa frazione che si sente la differenza tra le due compagini: la Scavolini ha cominciato a spingere per incrementare il distacco, e la Viola non è riuscita a tenere botta, complice la scarsa precisione al tiro e la poca reattività a rimbalzo. Il punteggio adesso vede i marchigiani avanti  42-62.

L’ultimo quarto è ormai una formalità: la Viola non sembra avere la cattiveria necessaria per recuperare un gap tanto profondo, e i pesaresi controllano facilmente il match. 6-21 il parziale del 4° periodo, e partita che si chiude sul 48-83. A segno per i nero-arancio solo Rappoccio e i due giovani del ’96, Lupusor e Latella. Per Pesaro in evidenza Perini, top scorer dell’incontro con 17 punti.

La sconfitta dei calabresi era ampiamente preventivabile, essendo la Scavolini un avversario di indubbio spessore. Certo è che con un approccio simile è difficile impensierire chiunque. Da salvare solo la prima metà del match (esclusi i primi 5 minuti di blackout), in cui i “violini” hanno dimostrato di essere all’altezza della cornice in cui si trovano. Il calendario adesso prevede un altro avversario blasonato: la Virtus Bologna. Appuntamento al PalaSavena alle ore 15.

Viola Reggio Calabria – Scavolini Pesaro 48-83
Viola Reggio Calabria: Barrile, Costantino, Latella 6, Rappoccio 8, Iero 2, La Russa 2, D’Amico 10, Viglianisi (cap), Lupusor 6, Cuzzola, Smorto 7, Lombardo 7. All. Di Manno.
Scavolini Pesaro: Bianchi 9, Giacomini (cap) 7, Cercolani 12, Bongiorno 4, Terenzi 8, Penserini, Perini 17, Urbani 4, Bertoni 6, Panzieri 7, Lepri, Cesana 10. All. Calbini.
Arbitri: Piazza di Bologna e Bonocore di Imola.

Dal nostro inviato a Bologna, Fabrizio Pavone

Il redazionale del sito Basketsavemylive

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons