Viola, nuovo tonfo a Firenze

Firenze domina in lungo ed in largo, i nero-arancio sono in piena crisi dopo otto sconfitte stagionali.

 

 

 

Ancora un disco rosso,ancora una sconfitta più pesante che mai per una Viola che stenta a riconoscersi.Buio profondo in casa nero-arancio.K.o. Otto sconfitte in nove gare disputate.

Reggio contro Firenze:Non c’era JJ Anderson nel derby tra cannonieri contro Dan Caldwell.Si gioca in Dna,campionato dove i nero-arancio stanno dimostrando domenica dopo domenica di non poterci assolutamente stare.

La vittoria con Omegna,unico successo dei reggini appare ormai come un ricordo tramontato.

La sconfitta questa volta arriva dal confronto in casa di una Brandini Firenze che ha concesso davvero poco al quintetto calabrese,anche questa volta supportato da un piccolo gruppo di tifosi accorsi per l’occasione al match del Mandela Forum. Al termine della sfida in terra toscana i nero-arancio cedono con il punteggio di (88 – 65), confermando uno stato di crisi che al momento non sembra avere una pronta soluzione.

Le premesse della sfida contro Firenze non erano delle migliori, la squadra di coach Paolini, del resto, partiva con favori del pronostico forte di un roster in salute e di un gruppo che ha tutte le carte il regola per conquistare la Lega Due Gold a fronte di una Viola ancora alla ricerca della propria identità.Proprio le parole del Coach fiorentino nel pregara, sembravano più un appunto motivazionale rivolto ai propri giocatori che altro:il timore ed il rispetto verso il quintetto della Viola,purtroppo,è attualmente un dato non presente tra dati e classifiche.

Anche ieri sera, nell’anticipo dell’undicesima giornata, i nero-arancio di Coach Bolignano hanno evidenziato tutti i limiti di una squadra in piena emergenza.

Non sono bastati gli innesti dei giovanissimi playmaker Sabbatino e Ricci a scuotere la Viola, in partita solo ed esclusivamente  nel primo quarto.

Le delusioni arrivano ancora una volta dall’intero gruppo, incapace di reggere l’urto dei rispettivi avversari.

Dopo aver chiuso con un incoraggiante primo quarto sul punteggio di (21-19), la Viola  subisce la maggiore concretezza dei fiorentini che hanno avuto vita facile in attacco ed in difesa dominando letteralmente il match e facendo giocare, a mò di “garbage” time tutti gli atleti del roster.

Nella seconda frazione i reggini racimolano solo dodici punti, contro i ventinove dei padroni di casa, che ipotecano la vittoria, chiudendo a metà gara sul (50 – 31).

A poco sono valsi le rotazioni dalla panchina reggina, che hanno coinvolto otto atleti. Contrariamente a quanto visto finora, i lunghi della Viola rispondono meglio dei piccoli, sia Quaglia che Ammannato arrivano anche in doppia cifra. Dopo il riposo il copione non cambia, Firenze è sempre avanti, Casadei e Sanna, vengono supportati al meglio anche dal resto dei compagni, mettendo sempre più in crisi una Viola che scivola fino al (71 – 46) del terzo quarto. La strada dei nero-arancio rimane tutta in salita anche nei minuti successivi. Alla fine i migliori risultano proprio i nuovi,gli ultimi arrivati Sabbatino e Ricci, ancora troppo poco per una Viola ormai costretta a correre ancora ai ripari per salvare questa stagione assolutamente fallimentare. Il livello d’allarme rimane rosso e le partite in calendario sembrano ormai tappe obbligate per una squadra che  non sa più cosa voglia dire combattere fino al termine della partita per impensierire gli avversari.

La società nero-arancio continua nel suo silenzio stampa.

Il momento è critico e ricorda, per certi versi l’ultimo anno di A1.L’illusoria vittoria sulla Benetton Treviso di Blatt, firmata dagli uomini di Walter De Raffaele fu l’inizio di un calo a picco sconfitta dopo sconfitta.

La stagione è già finita? Non lo sappiamo, ma è chiaro che essere sul fondo del ranking non fa piacere a nessun sostenitore della Viola.

 

Brandini Claag Firenze – Viola Reggio Calabria: 88 – 65

(21-19, 50-31, 71-46)

Firenze: Spizzichini 12, Capitelli 9, Casadei 17, Caroldi 13, Rabaglietti 9, Sanna 15, Braa 8, Magini 5, Galmarini, Marotta. Coach Paolini.

Viola RC: Sabbatino 11, Ammannato 11, Caprari 6, Zampolli 2, Fontecchio 2, Fabi, Ricci 12, Quaglia 11, Germani 2, Rappoccio. Coach Bolignano Ass Russo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons