Viola sulle gambe,Recanati domina al Calafiore

Reggio Calabria – Troppo stanchi e troppi errori, la Viola esce sconfitta in casa nel turno infrasettimanale contro Recanati con il punteggio di (68-86).

La più brutta Viola dell’anno cede il passo al “mercoledì da leoni” dei leopardiani che giocano una pallacanestro fresca facendo canestro con una continuità impressionante.

I reggini,invece, si dimostrano non all’altezza di poter giocare, in questo momento, tre partite in una settimana e dopo la “miracolosa” vittoria di Verbania contro Omegna  subiscono la corsa dei marchigiani.

L’assenza di Rush è pesantissima e si vede: l’atleta ritornerà in scena nella prossima sfida in casa tra dieci giorni contro una rinnovata Scafati capace di dominare la De Longhi Treviso.

 

Il quintetto di Coach Benedetto si è affidato alla buona volontà di Rossi, Deloach in guardia con Azzaro confermato nel ruolo di “vice-Rush”, l’Mvp di Verbania Rezzano affiancato al capitano Ammannato.

Gli ospiti di coach Giancarlo Sacco,gloria del basket italiano hanno risposto con Zanelli in regia, Lauwers e Sykes esterni con Eliantonio accanto allo spettacolare Mosley.

 

In avvio sono gli ospiti a spingere maggiormente sull’accelleratore, la coppia Mosley-Sykes stringe bene in difesa, mentre in attacco sono gli esterni a punire maggiormente Rossi e compagni. I reggini appaiono scarichi fisicamente, una condizione che penalizza sia la difesa che l’attacco. Neanche la difesa a zona aiuta i padroni di casa. Sul fronte Recanati il primo allungo lo firma Zanelli (6-15), vantaggio che diventa sempre più pesante per via delle basse percentuali al tiro dei nero-arancio. Ancora dalla distanza arriva il massimo distacco (6-26) con una tripla di Lauwers.

Tutto finito? Assolutamente no.

La Viola si rimbocca le maniche e,sotto di venti punti reagisce.

Ottime indicazioni dall’unico uomo a salvarsi nello stillicidio generale:Ion Lupusor lotta combatte, sbaglia anche lui, ma si dimostra in netta crescita.

La reazione dei nero-arancio si vede a tratti anche se serve a dimezzare il passivo a metà quarto (20-33). Al primo calo di concentrazione degli ospiti sale in cattedra il carattere dei reggini. Funzionano anche i tiri dalla distanza, tanto da permettere a Rezzano e Deloach di completare la rimonta che spaventa Recanati (30-33). A metà gara le squadre tornano negli spogliatoi in sostanziale parità (32-35).

Dopo il riposo la Viola prova ancora la difesa a zona, una soluzione che però viene scientificamente superata dalla straordinaria serata al tiro degli esterni Lauwers, Zanelli e Gueye che riportano Recanati avanti (36-42).

In special modo l’ex San Severo entra in striscia regalando uno show personale da spavento: Gueye insacca delle triple fantastiche che allontanano qualsiasi tipo di rimonta della Viola che, a dirla tutta, litiga con il canestro spesso e volentieri.

L’ultimo quarto procede sottotono per una Viola alle corde,scarica ed irriconoscibile.

Recanati “passeggia” con merito mettendo in evidenza anche il giovane Terenzi conquistando vittoria e differenza canestri.

La Viola deve dimenticare in fretta una gara psicologicamente pesante (68-86).

Gli Mvp sono i ragazzi della curva Massimo Rappoccio numerosi e compatti e festanti qualsiasi coda dica il risultato.

 

Viola RC – Recanati: 68 – 86 (10-26, 32-35, 38-59)

Viola: Deloach 14, Casini 8, Azzaro 2, Rezzano 19, Lupusor 11, Rossi 10, De Meo, Rush, Florio, Ammannato 4. Coach Benedetto.

Recanati: Zanelli 11, Pierini, Gurini Lauwers 15, Terenzi 5, Galmarini 2, Eliantonio 7, Sykes 22, Mosley 6, Gueye 18. Coach Sacco.

Arbitri: Ciano, Bongiorni, Pilati.

Note: spettatori 2.100

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons