Viola,quanta sfortuna

 

 

Punteggio basso, un tira e molla continuo con la Viola che “si mangia le mani” per una ghiotta occasione sprecata contro un team attrezzato e vincente.

I nero-arancio sfiorano il successo in casa della Remer Treviglio,formazione che aveva già espugnato il Centro Viola nella sfida di andata.

Davvero sfortunato il finale per i nero-arancio che giocano una partita tosta e competitiva.

Al Palafacchetti di Treviglio è la Remer ad aggiudicarsi la sfida con il punteggio, molto basso di 54 a 51.

Sfida tra lavagnette:Coach Vertemati e Coach Ponticiello hanno dato vita ad una gara tiratissima combattuta colpo su colpo.

Ad ogni mossa del primo Coach corrisponde una pronta risposta dell’avversario e viceversa.

Nei primi due quarti la Viola parte molto bene attaccando alla grande la zona trevigliese.

I locali recuperano colpo su colpo dando vita ad una gara molto equilibrata.

Ad inizio terzo quarto, la Viola rimane sul pezzo firmando un parziale di 5-0 devastante.

Una grande tensione agonistica ha contraddistinto la gara, soprattutto nella fase finale in cui le due compagini si sono inseguite punto su punto.

La gara si fa particolarmente avvincente nell’ultima frazione, si procede “spalla a spalla”, fino al 48 pari. Poi Treviglio guadagna ancora qualche punto e, in un finale tiratissimo,complici tre tentativi vani e sfortunati(davvero rocamboleschi) dei reggini riesce a vincere la gara.

Per ottenere la matematica permanenza nel campionato, i reggini dovranno battere Firenze(domenica alle ore 18 al PalaMaiata) che, questa sera affronterà il Basket Nord Barese.La quota PlayOff rimane a due punti.

 

 

Tabellino:

 

Remer Treviglio – Viola Reggio Calabria  54 – 51 (15 –16; 18-13; 11-12; 10 – 10)

Viola Reggio Calabria: Ammannato 4,  Azzaro, Caprari, Dia 12, Fabi 11, Hamilton 11, Monaldi 10, Sabbatino, Spera 3, Viglianisi

Coach Francesco Ponticiello

 

Remer Treviglio: Alessandri 6, Borra 8, Carnovali 3, Flaccadori, Gaspardo 2, Kyzlink 4, Krstovic 7, Ihedioha 3, Marino 8, Rossi 13

Coach Adriano Vertemati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons