L’Indomita Catanzaro vince il derby contro la Lu.ma.ka

nell’ultima giornata di questo 2010. Un testa-coda fra le bianco-azzurre catanzaresi prime in classifica e le bianco-rosse reggine, ancora in cerca della prima affermazione stagionale, dal risultato mai messo in discussione con le ragazze che, se da una parte non hanno dato vita ad un incontro dall’ elevato tasso tecnico, dall’altra hanno messo in mostra egualmente un’alta carica agonistica non mollando mai fino alla fine, anche a finale acquisito. Coach Righini ha dovuto fare a meno di Esposito (lussazione del pollice della mano sinistra) e Galati (assente per impegni personali) e per metà gara anche di G. Coluccio che ha accusato una leggera distorsione alla caviglia, mentre coach Laganà, con Versace sempre fuori, ha dovuto rinunciare dopo solo 2’ anche a Talarico per un piccolo taglio al volto che ha richiesto cure ospedaliere a fine partita. Anche se sono state le ospiti a mettere a segno il primo canestro dell’ incontro, l’Indomita ha sfruttato per tutta la gara il proprio vantaggio tecnico e, nonostante una serata che ha visto le bianco-azzurre non brillare nelle percentuali al tiro, è volata subito sul 25-13 a fine primo quarto. La Lu.ma.ka ha sofferto a rimbalzo, soprattutto nei primi 10 minuti, poi ha iniziato a farsi valere Mariam Anechoum, autrice di una buona prova. Lo stesso dicasi per Cristina Cosentini quando chiamata in campo dal proprio allenatore, due delle ragazze più promettenti del panorama calabrese, autrice della sua miglior prestazione stagionale e di un buon dinamismo sotto canestro. Le padrone di casa hanno sfruttato le percentuali offensive di Dublo (21), Pessolano (14) che ha recuperato anche palloni in gran quantità, e Astorino (10) schierata da coach Righini nello starting five per volare sul 38-21 all’intervallo lungo. Per le ospiti, con una Amodeo gravata da falli, la sola in doppia cifra a fine serata è stata il capitano Martino (15) dalle mani della quale sono passati la maggior parte dei palloni in attacco. Lo stacco è aumentato ancora a fine terzo tempo (57-30), poi le ragazze, pur continuando a giocare con intensità, hanno fatto calare i ritmi della gara che ha visto nell’ultima frazione un parziale di 8-8 che ha portato il risultato finale sul 65-38. Per la Lu.ma.ka non era certo questa la gara da vincere anche se – afferma Lucio Laganà – “noi continuiamo a lavorare senza alcuna pressione per far crescere le nostre ragazze e sono sicuro che nel girone di ritorno faremo certamente meglio”. Ora il meritato riposo festivo poi, alla ripresa del campionato, il prossimo impegno delle bianco-rosse sarà contro l’elefantino CT sabato 8 Gennaio 2011 al Pala Calafiore. L’Indomita invece si gode le festività natalizie da capolista. Negli anticipi del sabato, infatti, il San Matteo ME è stato sconfitto sul campo della Cestistica Ragusa mentre l’Azzurra Patti si è imposta su quello dell’Otium PA: in virtù di questi risultati capitan Amendola e compagne hanno staccato di ben 4 lunghezze le peloritane ferme a quota 10 mentre mantengono inalterati i 2 punti di vantaggio nei confronti delle pattesi che, alla ripresa del campionato, avranno la possibilità di riagganciare le calabresi ferme ai box per il proprio turno di riposo.

INDOMITA CATANZARO – LU.MA.KA REGGIO CALABRIA 65-38

(25-13, 38-21, 57-30)

INDOMITA: Astorino 10, Pessolano 14, Coluccio L. ne, Szafran ne, Coluccio G. 8, Dublo 21, Amendola, Carbonari ne, Siciliano 1, Fregola 5, Cosentini 6. Coach: Nando Righini

LU.MA.KA: Bova, Attinà, Talarico 2, Anechoum 8, Ambrogio, Amodeo 9, Nicosia 4, Guida, Bizzocchi, Martino 15. Coach: Lucio Laganà

ARBITRI: Maurizio Patisso di Catanzaro e Francesco Serrago di Mendicino (CS)

 

Maria Rosa Taverniti per Reggioacanestro.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons