Serie A1Serie A2Serie B InterregionaleSlider

BOLLETTINO RAC – 006

Qualcosa si muove, con calma, ma qualcosa si muove.

In casa Myenergy Pallacanestro Viola, oggi alle 11 è il giorno di presentazione a Città, Stampa e Tifosi del nuovo Coach, Giulio Cadeo.
I neroarancio rilanciano le proprie ambizioni con voglia di fare meglio della passata stagione e strutturarsi ancora meglio, sia a livello societario che a livello giovanile.
In programma manovre per rendere più competitivo il settore Young con gruppi che possano far bene, aspettando novità dal Bando del Pianeta Viola.

Sul fronte giocatori: in standby ma vicina la conferma di Ilario Simonetti, rimasto più che affezionato alla piazza.
Si lavora anche per confermare Giovanni Cessel.

Partiamo dagli accadimenti in A e dintorni.
Non senza polemiche, scompare la Blu Basket Treviglio, piazza alla quale, anche noi siamo stati affezionati per tanto tempo grazie al prezioso lavoro di Domenico Durante all’interno di un ponte tricolore che collegava la Lombardia con la Calabria.
La gestione Mascio è già e clamorosamente finita e non senza polemiche.
Il titolo è già stato trasferito ad Orzinuovi dove allenerà l’ex Torino ed Agrigento Franco Ciani.
Tanta amarezza dalle parole di uno dei condottieri di sempre del club, Tommy Marino a mezzo social per una piazza che ha accolto negli anni tanti ex della Viola, dal Direttore Euclide Insogna, l’ex Dirigente, già presidente neroarancio Raffaele Monastero,il collaboratore Vittorio Massa ed i vari Caroti,Taflaj,Roberts,Guariglia,Genovese,Pacher solo per fare qualche esempio.

Qui, il bellissimo post di Tommy Marino, giocatore che, più di nessun altro, insieme a Lele Rossi può argomentare sulla piazza lombarda.:

Nessuna polemica con questo post, non entro nel merito delle decisioni perché non ne conosco i motivi e non spetta a me farlo.
Posso dire però che ho giocato sei stagioni e mezzo a Treviglio, quasi 200 partite. C’ero negli anni in cui insieme a Lele e Adri si lottava per sopravvivere e si faceva il massimo con poco.
Sei anni e mezzo nella vita di un atleta sono tantissimi e il PalaFacchetti per me sarà sempre CASA.
Quel posto mi ha dato amore quando giocavo, quando sono tornato da avversario e me ne ha dato quando sono tornato da spettatore. Li dentro ho dato sempre tutto quello che avevo e credo di aver espresso il mio massimo potenziale da atleta.
Non credo che mi abituerò alla Blu Basket Treviglio in posto diversa da quello. Spero tornerete presto a casa💙
    
 
Nel team dove ha militato fino a fine stagione Marino, è stato ingaggiato l’ottimo Sodero.

Prima retrocessione della storia della team di Agrigento(epiche e bellissime le sfide contro la Viola), formazione dove, giocavano gli ex di Calabria, Morici e Fabi e da dove è passato anche Coach Marco Calvani durante un anno tribolato.

Bellissima la lettera del club che vi proponiamo
“Cari amici e tifosi, la stagione sportiva è quasi giunta al termine e dal campo è arrivato con qualche giornata di anticipo il verdetto che fino alla fine abbiamo cercato di sovvertire.
Brucia, fa male, ma da veri Giganti incassiamo il colpo, pronti a rialzarci.
È stata una stagione complicata, piena di insidie, infortuni e scelte difficili, il tutto misto ad una formula di campionato complessa che quest’anno condannava a ben sei retrocessioni.
La nostra società è sempre stata, lo è oggi e lo sarà per sempre, pronta a tutto; saldi in una fede sportiva inscindibile che ci lega da tempo immemore e da un amore infinito per questo magnifico sport.
Accettiamo a testa alta il verdetto del parquet e della palla a spicchi e ripartiamo da qui, certi che sono il lavoro e la progettualità le fondamenta per una ripartenza in pieno stile Fortitudo, perché in passato siamo già caduti e ci siamo sempre rialzati.
Un sentito ringraziamento a tutti coloro che ci hanno sostenuto in questa lunga e dura stagione e che siamo certi, continueranno a farlo sempre; perché siete voi tifosi biancoazzurri e partner commerciali il motore e cuore pulsante di questa società sportiva, che è più di una squadra di pallacanestro, ma bensì un punto di riferimento per la nostra provincia ed elemento di riscatto per un territorio complicato come il nostro, che ha bisogno di belle realtà appassionate per emanciparsi da una condizione di marginalità.
Siamo già pronti a ripartire per scrivere tutti insieme un nuovo capitolo di una storia bella ed infinita come quella della Fortitudo Agrigento; sì, perché la nostra è una storia bellissima da raccontare, aldilà ed oltre i singoli capitoli.
Restiamo uniti ora più che mai sotto i nostri colori, il bianco e l’azzurro, legato da una sola parola: #AMUNI”

Uomo mercato in A2 è Diego Monaldi: Udine proverà a trattenerlo, lo vuole Rieti e non solo.
Appare cosa fatta l’approdo alla Sebastiani del volitivo e sempre in crescita Ion Lupusor, reduce da una suberba stagione all’Urania Milano. Il reggino è oggi più che mai una certezza della cadetteria.
Sempre in A2, Brindisi si scatena con un biennale per Niccolò De Vico.
Il bresciano Veronesi pronto al salto in A1 con Sassari che ha ufficializzato Sokolowki. Davide De Negri firma per Tortona. La notizia più scoppiettante della settimana era un interesse per un trittico azzurro, Melli,Tonut e Mannion  da parte dei Trapani Sharks, pronti per giocarsi la finalissima in A1 contro Fortitudo Bologna per provare a ritrovare la massima serie che manca dai tempi del compianto Gianfranco Benvenuti, allenatore di fare ciò sia a Reggio che in Sicilia(che Mito!).

In B, salutato Marco Evangelisti, con direzione Virtus Siena, Arezzo ha scelto il nome del nuovo allenatore.
Sembrava fatta per Coach Putignano, sondaggi anche per Federico Cigarini, reduce dalla stagione a Reggio(per lui tante offerte anche dai settori giovanili). Il Coach, invece sarà Alessio Fioravanti, ex Amatori Pescara.
Nel frattempo, restando in tema, Sebastian Ferenc, ex Castanea ha rifiutato l’offerta degli abruzzesi.

 

    

Giovanni Benedetto, dopo una clamorosa rimonta con Ferrara ed una finale Playoff persa per un soffio in casa del Fidenza, lavora per il rinnovo con Ferrara, dove, si lavora sottotraccia pensando ad un titolo di B1(Ozzano?).

Difficile che Mavric e Maksimovic possano rimanere alla Pallacanestro Viola con prossima destinazione in arrivo a breve.
Tra gli uomini mercato c’è anche Musikic, passato da Catanzaro: fredda la strada che poteva portare alla Scandone, tanti su di lui.

Premio Donia per l’attivissimo Renzo Crisafulli: il suo Barcellona, oggi dopo otto anni ritornerà a disputare un concentramento interzonale per poter accedere alle finali nazionali del campionato Under 19 Gold in programma a Cecina dal 14 al 16 di Giugno.
Sarà dura competere contro team Lombarde, Piemontesi ed Emiliane ma i siciliani, campioni del raggruppamento dov’era inclusa anche la reggina Stingers proveranno a far bene.
Sul mercato, piace, e non poco Federico Manfrè reduce da un biennio agli Svincolati Milazzo.
Rumors insistenti danno come interessata all’atleta anche il Ragusa che, domenica, giocherà la prima per volare in B1 senza il fattore campo a favore contro l’Orlandina Basket.

Premio Donia(qui l’elenco completo dei premi) anche per il conservatissimo tandem della Basket School, Di Dio-Sidoti: sul taccuino, c’è il veterano Luca Bolletta che ha estimatori anche in Campania.

Catanzaro è ancora in festa ma guai a sottovalutare il mercato di Salvatore Procopio: non sarà una squadra qualsiasi nell’anno del ritorno in B.

La dirigenza capeggiata da Alfonso Bianchi non si è mai fermata ed è pronta a costruire una squadra di livello ma con un imprinting giovanile d’impatto, consapevoli che, l’Under 19 D’Eccellenza sarà una priorità e non solo quella.
Chi guiderà la squadra? Scelta interna sicuramente. Sarà proprio Salvatore Procopio sotto deroga nel divenire il capo allenatore? Lo scopriremo presto.
Attenti ai numerosi “cavalli di ritorno”: scontatissime le conferme del giovane Canestrari e del Capitano Nunzio Sabbatino.
Potrebbero rientrare il three pointer Battaglia, il regista Andrea Procopio e, perchè no, il lungo, reduce da esperienza d’alto livello Roman Tchintcharauli. Troppo presto.. ma non troppo.
A dirla tutta, qualora Catanzaro facesse tornare tutti i suoi ragazzi della cantera, si potrebbe giocare la B1 e probabilmente provare a vincerla, sull’asse dei vari Markovic, Morici, Fall, Dell’Uomo, Carpanzano(straordinario in gara 5 contro Ruvo).

C’è chi anche perdendo.. ha vinto. Parliamo di Stefano Rajola, Signore del parquet, passato anche da Reggio Calabria, subentrato in corsa a Ruvo in un momento difficile che celebra così l’uscita in cara cinque contro gli Herons.

“Il nostro cammino si ferma a un passo dalla finale, un risultato che lascia un po’ di amaro in bocca, lo so. Tutti noi abbiamo sognato in grande in questi ultimi giorni,
ma voglio che sappiate una cosa: come squadra abbiamo dato tutto quello che avevamo. Questo ve lo posso garantire!
Porterò sempre con me il ricordo indelebile di Gara 5, del vostro tifo appassionato, della vostra correttezza e di quell’applauso finale che mi ha scaldato il cuore.
Una cosa è certa: la passione e l’attaccamento alla squadra che ho visto in voi sono rare e preziose”.

Come avevamo anticipato, l’accordo tra Angelo Luzza ed il Piazza Armerina è cosa fatta: toccherà aspettare la fine del Playoff del Cassino, team dove milita con profitto il rosarnese, alla corte di Coach Nardone(anche lui vecchia conoscenza di Calabria) per celebrare il matrimonio di un team che deve ancora ufficializzare il colpaccio Labovic dalla Basket School Messina.

Tanti, tantissimi estimatori per Sabino Malual, visto alla Svincolati Academy nella passata stagione.

Estimatori a go go per Stefan Spasojevic, ma Benevento ha voglia di confermarlo.

Idem il re della Grecia, Sakellariou, spettacolare a Lamezia che potrebbe rimanere a Firenze.

Angri pronta all’ufficialità di Coach Chiavazzo dopo una stagione emozionante: non rimarrà Taddeo che ha mercato anche in B1. Anche Izzo ha voglia di B1. Potrebbero rimanere Bonanni e Granata.

Castellaneta ripartirà dal bravo ed esperto Lillino Ciracì.
Corato proverà a ricomporre, con un anno in meno una progettualità giovanile che ha ben figurato nella passata stagione: si prova a trattenere il forte Santiago Vaulet.

In C, attenti al mercato Dierre anche se, la formula del nuovo torneo, non è invitante per chi vuole provare a fare il salto.
Danilo Vukosavlievic, ad un passo dalla conferma. Potrebbe salutare Simone Surfaro per ragioni universitarie, piace, invece, Seby Nicolò, ex Don Bosco Livorno visto agli Stingers. Si lavora per un play affidabile e per un lungo, sempre se, non rimanga Gints Miculis.

Il tandem Suraci-Latella, insieme in Puglia due anni fa a Canosa e reduci dalla rispettive esperienze a Francavilla e Matteotti Corato sondano il mercato del Nord D’Italia.

Nuovo Basket Aquilano, salutato l’ex Caserta, D’Addio, ha confermato Leo Cecchi ed il play Compagnoni, ma le novità, in arrivo dal team dove ha iniziato la stagione l’ex Viola Provenzani, sembrano dietro la porta.

Problemi per Mola, team dove hanno giocato e contribuito alla salvezza l’ex Stingers, Magarinos e l’ex Rende, Fiusco.

Konstantins Kazlauskis potrebbe essere il nuovo colpo della neopromossa Ribera in Dr1 Sicilia.

Terremoti al Cia Calabria, nel frattempo: sembrano già in essere sanzioni pesanti in ambito arbitrale. Nelle prossime ore ne sapremo nel dettaglio di più. Dopo le dichiarazioni della Presidentessa Cristina Correnti nelle ultime ore dopo la finale di C, questa non è una buona notizia per un basket di Calabria sempre più in difficoltà.

 

Show Buttons
Hide Buttons