C Reg:I “pagellini” del girone di andata

 

 

Aspi Padre Monti:Girone di andata lungo, difficile e ricco di problemi per il secondo anno in C Regionale del Polistena.Ciò nonostante la formazione dell’allenatore-giocatore Brosio è clamorosamente in piena zona-playoff.L’arrivo tardivo dei transfert dei due giovani stranieri, tanti infortuni,arbitraggi discutibili, problemi interni ed addii hanno compromesso un cammino che poteva essere sicuramente più “Liscio”.Adesso,

il roster dell’Aspi sembra avere un calendario in discesa e senza ostacoli. Può arrivare lontano.

 

Basket Nuova Jolly:La favola della giovane formazione reggina campione della Serie D e da sempre super nei campionati giovanili continua. I giovanotti classe 1993 e 1994  seppur uniti ad un grande coach come Gianni Tripodi (che francamente con la categoria ha poco a che fare)e due pivot di esperienza e bravura come Tramontana e Corlito giocano un grande girone di andata. Due, solamente due le sconfitte, entrambe esterne proprio a cospetto del duo di vetta formato da Gioiese e Vis. Con un po di ottimismo e facendo leva sul fattore campo, Vozza e soci potrebbero puntare dritti alla promozione. Sognare non costa nulla, se son rose..

 

Botteghelle Basket:Quinto posto in classifica per un gruppo ormai consolidato che ha inserito tante

pedine giovani ed interessanti. Coach Dattola ha ceduto il posto al dirigente di sempre Paolo Surace che ha cambiato ruolo a qualche pedina ottenendo buoni risultati.Può raggiungere nuovamente il PlayOff e contemporaneamente lanciare nel campionato regionale qualche volto nuovo. Mica male come obiettivo.

 

Cap Reggio:Girone di andata “orribile” per i reggini. Discontinui, confusi e soprattutto poco determinati nei minuti finali di tante gare che ne hanno compromesso il cammino. Il potenziale c’è, i giocatori pure.Basterà poco per rialzarsi in classifica altrimenti saranno guai..

 

Centro Basket Catanzaro:Fanalino di coda del campionato, probabilmente inaspettatamente. Non funziona qualcosa nel mix tra giovani e veterani di Catanzaro.Se non rialzeranno prontamente la testa saranno problemi seri e retrocessione diretta. Bisogna invertire la rotta.

 

Cestistica Gioiese:Nell’anno della “discussa” auto-retrocessione, la Cestistica ha costruito un team per vincere il campionato.I giovani ci sono ma sono affiancati a tanti veterani “fuori-categoria”.I risultati sono evidenti e sotto gli occhi di tutti. Una sola sconfitta nella rocambolesca partita di Lamezia e tante vittoriel, molte delle quali in partite assolutamente senza storia.Sudore e grinta contro Vis e Jolly, formazioni che dovrebbero contrastare la voglia di promozione del quintetto pianigiano adesso immerso più che mai in una completa ristrutturazione nel roster.Il Restyling ha visto partire il bravo americano Chris Balliro che verrà rimpiazzato da una pedina probabilmente straniera in arrivo e dal ritorno, gia ufficializzato di Manu Gallo.

 

Cus Cosenza:La neopromossa formazione silana ha tutte le carte in regola per raggiungere la salvezza.La nota particolarmente positiva è che il team di coach Salerno non ama mollare praticamente mai.Tra le mura amiche proverà a strappare punti utili per il posizionamento in classifica facendo attenzione a non scivolare mai troppo in basso.

 

Fgr Lamezia:Se consideriamo che al roster della passata stagione sono stati aggiunti esclusivamente i veterani Rubino e Lazzarotti e se ricordiamo che la stessa formazione retrocesse arrivando ultima nel campionato scorso il risultato è ottimo.Inspiegabile l’esonero di coach Perrotta, allenatore valido e corretto unico in grado di battere i campioni d’inverno della Gioiese.

 

Junior Basket Lido:Otto punti in classifica che potrebbero lievitare nel girone di ritorno. Al momento la classifica non sorride agli squali ma la voglia di posizionarsi al meglio nel ranking o più in generale di  salvarsi è pari alla verve che Pirillo e soci hanno messo nelle stracittadine vinte. L’ingaggio di Enzo Di Vico offrirà punti e solidità ad un gruppo che può ancora crescere. Attenzione ai margini di miglioramento dei giovani, in particolare Basile e Balestrieri.

 

New Team Crotone:Dodici punti in classifica per mettersi in salvo sono un po’ pochini. Il mercato in uscita dei pitagorici, è stato realmente esagerato e le chance di salvezza dopo gli addii di Venuto,Di Vico e Mouflih sono letteralmente ridotte all’osso.Ci sorprenderà?

 

Olympic Club:E’ partita veramente male. La crescita del quintetto rosso-blu arriverà con il ritorno nello storico Scatolone da semprefortino di Lazzara e soci.Gli obiettivi di inizio anno erano quelli di arrivare in un’ottima posizione PlayOff.Il quarto posto è lontano ma con la giusta continuità di vittorie può raggiungere la post-season evitando gli “incubi” PlayOut delle passate edizioni del campionato.

 

Pirrera Castrovillari:Assenze a raffica e tante sconfitte. La svolta è arrivata proprio verso fine girone. Con un roster interamente giovane, o quasi, la compagine pollinea sembra abbia trovato la giusta quadratura per stupire,divertirsi ed ottenere la salvezza.Ci riuscirà?

 

Villa San Giovanni:Roster lungo, lunghissimo e competitivo. All’inizio dell’anno, l’abbondanza,soprattutto nel settore esterni poteva apparire unproblema. Qualche pedina persa per strada e qualche infortunio di lungo corso ha dato la giusta misura ad una squadra che ha tutte le carte in regola per chiudere la regular season davvero in alto ed agire come “mina vagante” nei PlayOff.Servirà continuità e stabilità.

 

Virtus Catanzaro:Considerando il roster e la crescita dei giovani giallo-rossi, la classifica poteva certamente essere migliore. Magari come la Jolly? Possibile.L’infortunio di Carella e l’inserimento tardivo di Scuderi,Pulinas ed Ippolito ha forse rallentato l’andamento dei catanzaresi che hanno subito più sconfitte del previsto. I sogni del cassetto per il girone di ritorno sono sicuramente il “continuare a crescere”, sicuramente obiettivo primario della società(non quello di vincere le partite) e quello di conquistare un posto nel PlayOff come accadde nella passata stagione.

 

Vis Overt Reggio Calabria:La squadra è stata costruita per vincere il campionato sin dalle prime battute di Giugno. Il lavoro c’è e si è visto. Una sola sconfitta al PalaMangione di Gioia Tauro e tante belle vittorie con il risultato praticamente mai in discussione.Ha le carte in regola per provare a battere la Gioiese ed ottenere una leadership che porterebbe morale,seguito e due punti preziosi in classifica.L’infortunio a Billy Fall fa preoccupare ma se la fortuna assisterà i bianco-blu vivremo grandi momenti di basket a Reggio Calabria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons