Csi:Lo ammetto,ho allenato senza tessera

,parliamo con il Coach dell’Archi Basket Club,Alessandro Mittiga.

 

 

 

Innanzitutto, ci potresti dare un tuo commento sulla annata del campionato Csi?

Devo dire la verità:prima di quest’anno io non conoscevo questo campionato, ne avevo sentito parlare ma non ero mai entrato a contatto con il mondo del CSI. Ma devo prendere atto che in un momento in cui si hanno sempre più difficoltà a partecipare ai campionati federali, questo campionato potrà attrarre sempre più compagini e diventare molto interessante. Ci sono molte cose da sistemare ovviamente! Per gran parte della stagionenon abbiamo avuto il piacere di essere arbitrati da arbitri veri, e se non ci fosse stato il “Marcello Musitano” della situazione sarebbe stata molto più difficoltosa. Abbiamo giocato in campi al limite del ridicolo, come il palloncino a Campo Calabro, ma con l’avvento dei playoff devo dire che l’asticella dell’attenzione si è parecchio alzata, e abbiamo cominciato davvero a divertirci! Le due serie contro le due squadre di Pellaro sono secondo me un ottimo spot per questo campionato.

 

Prima stagione per te da Coach,all’interno di un campionato dove non servono tessere o corsi.Com’è andata?

 

È cominciato quasi per gioco, non potendo giocare quest’anno mi sono offerto di mettere un po’ d’ordine nella squadra.Sono stato davvero molto fortunato, ho trovato dei ragazzi disponibilissimi al sacrificio e con una passione immensa per questo sport. Poi “allenare” giocatori come Gigi Zumbo, Francesco Foti o Coach Francesco Barilla, evidentemente di un altra categoria, è davvero molto facile! Adesso che ho provato cosa significa stare in panchina, chiedo scusa a coach Geri per tutte le volte che l’ho fatto impazzire!

 

Credi che,in virtù anche delle vicende che hanno coinvolto la Skorpion nel campionati federali,questo possa essere il futuro?

 

La parentesi da Coach è stata principalmente dettata dall’infortunio della passata stagione nei playoff contro Gioiosa, e come sai il crociato è un infortunio abbastanza particolare, che necessita di molta pazienza: ho promesso al “bomber” Paleologo che sarei tornato a dedicargli qualche tripla e spero di poterlo fare per ancora un altro paio d’anni. In futuro non lo escludo, ma solo se il mio Assistant coach sarà Ciccio Barilla!

 

Un ringraziamento?

 

Sicuramente ai ragazzi, che da subito hanno fatto un gran gruppo e che mi hanno reso le cose davvero semplici; al nostro presidente Lamberti per aver sopportato tutte le mie lamentele; ai nostri tifosi, in particolar modo il Cur, Bancomat, Mazzapicchio e Max che ci hanno seguito anche in trasferta.

E a te, che mi concesso l’onore di una tua intervista, ora posso invidiare un po’ di meno “Giò bum bum Granata”

Un saluto a tutti gli amici di ReggioaCanestro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons