ERA 18 APRILE 1993: VE NE SIETE ACCORTI CHE IL CANESTRO DI GARRETT ERA BUONO?

Errore, errore lampante, simile a quello sul canestro di Andrea Forti nella finalissima di qualche anno prima tra Livorno e Milano.

CAMPIONATO 1992/1993

La Panasonic Viola Reggio Calabria del Presidente Gianni Scambia non parte con i favori del pronostico, l’obiettivo iniziale è quello di mantenere la categoria con carattere ed entusiasmo; con il passare del tempo però diventa la vera outsider del campionato e si candida come protagonista alla vittoria finale. Il campionato si conclude con il sorprendente sesto posto e con la qualificazione ai playoff scudetto; agli ottavi la Panasonic supera Reggio Emilia e si regala i quarti contro la Benetton. La seria si disputa al meglio delle tre gare con Treviso che ha il vantaggio del fattore campo: La Benetton vince gara-1 davanti al proprio pubblico con il punteggio di 102-93, la Panasonic risponde in gara-2 in un Pentimele tutto esaurito, 87-85 il punteggio e serie sull’1-1. Si va alla “bella”, è il 18 Aprile 1993.

La squadra di coach Carlo Recalcati domina il match in lungo e largo arrivando anche a toccare il + 10 fino a quando gli arbitri non decidono di far rientrare in gara la Benetton con delle chiamate più che discutibili che la portano in vantaggio di due punti a pochi secondi dalla fine; ultima azione, rimessa laterale affidata ad Avenia che trova Garrett sotto canestro: è pareggio e overtime, ma clamorosamente il primo arbitro decide di consultare il tavolo, gli ufficiali annullano il canestro con la Benetton che immeritatamente accede alle semifinali.

L’ANNULLAMENTO DELLA VERGOGNA:Le immagini confermarono l’errore degli arbitri: il canestro era regolare. E’ la sconfitta più bruciante nella storia della pallacanestro a Reggio Calabria, non tanto per il ko ma quanto per il furto subito ed un primo ed inquietante passo verso accadimenti che distrussero un mito nato grazie alla forza di persone oneste e preparate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons