GIUDICE VIOLA:IL RICORDO DI COACH CALVANI

Ho conosciuto il Giudice Viola nel 1990 quando ero al Messaggero Basket Roma. Ho sempre avuto un rispetto e stima particolare per un Uomo discreto, mai fuori le righe, ma deciso come non poteva non essere per quanto ha fatto nella sua carriera professionale.
Un Uomo che alla pallacanestro ha dato tanto ed a Reggio e per i Reggini è stato quello che ha segnato un epoca di un periodo sportivo bello e particolare. Nel 2017 nella mia annata reggina, ho avuto il piacere di vederlo e sentirlo spesso, cercavo di rubargli qualcosa della sua passione ed amore per la Viola che potesse arricchire quanto già avessi di mio.
Mi ha sempre affascinato il Giudice, in questa sua coniugazione tra Uomo delle istituzioni e della giustizia, a uomo passionale per la sua Viola.
Reggio perde un pezzo importante della sua storia, mi auguro ci sia la volontà di lasciare la Sua memoria ai posteri, per chi è stato un esempio per quanto dato al nostro mondo della palla a spicchi, a Reggio, ai Reggini, a me. Nella mia memoria ci sarai sempre.
R.I.P. Peppino, ti abbraccio
Show Buttons
Hide Buttons