IL REGGINO CUGLIANDRO SALUTA L’ESPERIENZA DA COACH CON LA NAZIONALE BULGARA

Coach Cugliandro saluta la Nazionale bulgara dopo due anni e mezzo coronati da una incredibile medaglia di bronzo ed un ottimo quarto posto.

L’allenatore della Farmacia Pellicanò Reggio Bic, Antonio Cugliandro, reggino doc, classe 1980, non è più l’allenatore della Nazionale Bulgara di Basket in carrozzina.

Un cammino entusiasmante iniziato con un piccolo contatto nel 2019 durante lesordio degli europei ECMC IWBF organizzati proprio a Sofia nel 2019, in cui ottennero il penultimo posto solo sopra la nazionale ungherese.

Con l’arrivo di Antonio Cugliandro nellestate del 2021, che le cose iniziarono a cambiare.

   
 

Già dalleuropeo ECMBC IWBF a Sarajevo del 2022, anno in cui si recuperava leuropeo del 2021 posticipato per covid avvenne un vero e proprio miracolo con la Nazionale bulgara, che sotto gli occhi di tutti, cambia completamente volto, ottenendo una insperata medaglia di bronzo e ricevendo complimenti da atleti, addetti ai lavori e persino dal presidente IWBF Pfaller per la crescita mostrata.

Nellultimo europeo ECMC IWBF svolto ancora una volta a Sarajevo, la nazionale bulgara sempre sotto la guida di coach Cugliandro e stavolta insieme allassistente Denislav Ivanov (attuale assistente anche nella Reggio BiC), ottiene un quarto posto dietro alla Repubblica Ceca diventata campione(dopo aver perso di sole 2 lunghezze in quella che fu poi considerata la vera e propria finale), Portogallo arrivato secondo e che vinse proprio contro la Bulgaria in rimonta solamente nei minuti finali e la Nazionale irlandese che vinse contro una ormai demotivata Bulgaria proprio nella finale 3-4 posto.

La collaborazione tra le parti, continuerà sicuramente in un futuro prossimo considerando il filo diretto che permette agli amaranto di poter schierare diversi giocatori bulgari come Georgi Ivanov, Anton Fikov ed Atila Hamdi oltre che dello staff come il già citato Denislav Ivanov (e che proprio coach Cugliandro ha voluto fortemente nella nazionale bulgara), che da diversi anni lavorano e crescono proprio sotto la guida del coach reggino.

Ci tengo a ringraziare la Federazione bulgara- ha dichiarato il reggino- e tutte le persone dello staff con cui ho collaborato in questi anni ed ovviamente gli atleti, ma con la quale continuo a sentirmi. Abbiamo vinto più sfide di quanto chiunque pensasse e questo ha permesso di superare tante difficoltà oggettive con ancora più voglia e forza. Sono felice e soddisfatto del lavoro e della crescita che siamo riusciti ad ottenere e riconosciuta da tutti. Oggi lascio un gruppo che ha maggiore consapevolezza, organizzazione ed idee chiare ed alla quale auguro davvero ancor più successi”.

Show Buttons
Hide Buttons