Incredibilviola,espugnato anche il PalaMoncada

 

 

PORTO EMPEDOCLE(AGRIGENTO)-Un’impresa incredibile.

La Viola espugna,finalmente(potremmo dire) il PalaMoncada di Agrigento e lo fa con una prestazione caparbia fatta di autorità concentrazione e voglia di vincere.

Il passo dei nero-arancio,è ormai da squadra di prima fascia ma attenzione a cadere in facili illusioni:si è giocata solamente la prima giornata del girone di ritorno, la strada per la salvezza è lunga e ricca d’’insidie.

 

La Viola con questo successo, il settimo su nove partite dopo la cura Ponticiello esce ufficialmente dalla Zona PlayOut e sogna vette d’alta quota.

 

Il sognatore d’eccezione è nuovamente Alessandro Piazza:”il folletto” con la canotta numero dodici,a partire dal terzo periodom ha preso per mano la formazione reggina esaltando e giocando un basket pulito e stupefacente.Palloni decisivi rubati,concretezza in attacco, assist preziosi per tutti i suoi compagni:un giocatore totale che dimostra che probabilmente l’altezza non è tutto in questo sport.

 

La cronaca:I primi due quarti sembrano quasi uno studio reciproco tra due squadre che hanno cambiato molto in corso d’opera.La Viola è ancora senza Rugolo,i siciliani schierano il nuovo innesto Moruzzi ed Albano Chiarastella,infortunato nella sfida di andata.

 

La Viola parte bene con una tripla di Ammannato ma i siciliani prendono immediatamente le contro-misure e provano a “scappare” sfruttando i due falli personali commessi troppo frettolosamente dal Mvp della gara,Alessandro Piazza.

 

Proprio il regista dei reggini rientra al termine del periodo insaccando una tripla che permette alla Viola di chiudere sotto di tre.

Nel secondo periodo,la trama è sempre la stessa:Agrigento prova la fuga,questa volta con due triple di Mian con i reggini costretti ad inseguire.

 

Già da questi piccoli dati, mini-rimonta in un amen ed ottimo gioco,fluido e coeso dei reggini si intravedono buoni segnali.

Vedere Piazza strappare un rimbalzo sulla testa del totem Giovanatto può fare sorridere considerando l’enorme differenza di centimetri ma fa anche capire quanta voglia abbia questa squadra.

 

Proprio Alessandro Piazza,ad inizio terzo periodo sale in cattedra: rimonta,sorpasso ed allungo fino al più sei prodotto dal regista della Viola.

Il play di Agrigento De Martini perde un  pallone dopo l’altro grazie ad una zona “Gabbia” orchestrata da Ponticiello con il piccolo Piazza a rincorrere gli avversari recuperando palloni su palloni.

 

L’Ultimo quarto non è adatto ai deboli di cuore:La Viola comanda le danze,Agrigento le prova tutte per ritornare in gara grazie a tante triple a raffica,anche di pregevole fattura.

 

I canestri decisivi sono sempre di Piazza ma non possiamo dimenticare le grandi prestazioni di Ammannato,Fabi,Germani e di tutto un gruppo che vola e convince sempre di più

 

La grande concentrazione della Viola resiste anche ai tentativi di provocazione dei siciliani.La Viola vince di uno,non riesce a ribaltare chiaramente la differenza canestri della sfida di andata ma vince ancora e sogna con il settimo sigillo su nove gare disputate nel corso Ponticiello.

 

La favola nero-arancio continua.Adesso,l’auspicio è che la società possa trovare,in questo momento diesaltazione nuove basi e nuove forza per diventare ancora più grande.La spinta principale deve arrivare dal pubblico:domenica prossima contro l’Omegna dell’ex Mariani il PalaBotteghelle “DEVE” rispondere con un doveroso “SOLD OUT” dedicato a questi ragazzi.

 

 

 

Moncada Solar Agrigento- Viola Reggio Calabria 65-66

 

Parziali: 16-13, 29-27,40-46

 

Moncada Solar Agrigento Agrigento: Chiai 8,Giovanatto 14, Mian 21,Moruzzi 8, Anello 0, Brown 0, Demartini 10, De Laurentiis 0, Di Viccaro 0, Quarisa 4.All Franco Ciani

 

Viola Reggio Calabria: Ammannato 13, Caprari 5, Ricci 9, Piazza 22, Fontecchio 4, Quaglia 7, Germani 0, Sabbatino 0, Fabi 6

 

Arbitri Federico Brindisi (TO) – Bianchini Riccardo (Bagno a Ripoli, FI).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons