Indomita,le impressioni di coach Righini

Lo faccio comunque con piacere e con l’entusiasmo di sempre – in palestra mi sono sempre divertito e conto di farlo ancora – sperando di dare un contributo al consolidamento del progetto Indomita, fortemente voluto dalla famiglia Siciliano. Le ragazze sanno che con me si lavora intensamente, ma hanno ben chiaro che questa è l’unica strada per migliorarsi ed ottenere risultati. A loro merito devo riconoscere che in questi anni hanno fatto notevoli progressi, non solo dal punto di vista tecnico, ma anche da quello dell’approccio mentale allo sport agonistico. Sono certo che anche la stagione che sta per iniziare ci regalerà atlete più capaci e più mature.

La pallacanestro cambia, quella femminile ancor di più.Cosa pensi della situazione del basket in rosa 2010-11 tra abbandoni, sinergie e nuove avventure?

R:In questi ultimi tempi il basket ha perso molte posizioni tra gli sport più seguiti in Italia. La nostra regione, poi, che annoverava nella pallacanestro di vertice l’indimenticabile Viola RC in campo maschile, Pallacanestro CZ e Florens CZ in quello femminile, ora è rappresentata unicamente dall’encomiabile Pall. Rende in A2 femm., squadra, peraltro, tenacemente mantenuta nella categoria grazie alla volontà ed i sacrifici del Presidente Vivona, nel disinteresse, purtroppo, dei più. Nel basket rosa, poi, la perdita di credibilità è aumentata dalla rinuncia di formazioni ad ogni livello. La crisi economica, infine, specie qui nel sud, ha tolto altra benzina al movimento. Ad oggi in Calabria sono sopravvissute, oltre al Rende, L’Olympia RC, la LumaKa RC e l’Indomita CZ a fare campionati nazionali o regionali seniores. Tra tante ombre, comunque, ci sono segnali di concreto risveglio, che vanno colti e rafforzati. La coraggiosa scelta della dirigenza del’Olympia RC di partecipare al campionato di B di eccellenza (livello che, a mio avviso, con un pò di sintesi tra le compagini cittadine, a Reggio si poteva avere da tempo) darà sicuramente lustro, spettatori e visibilità al movimento; l’ottimo lavoro dei vivai, specie quelli reggini di LumaKa e Olympia-Nuova Jolly ha già messo in vetrina promettenti atlete, alcune delle quali, Talarico e Guerrera per tutte, di assoluto valore. La MinIndomita di coach Barbara Gemelli ha avvicinato al basket decine di bambine che, certamente, nei prossimi anni saranno protagoniste della pallacanestro cittadina. In questo contesto sinergie tra le società ed ottimizzazione delle risorse sono imperativi per costruire un futuro cestistico migliore.

Parliamo del roster.Salutate le giovani Isabella e Pintimalli, e le veterane Pronestì e Gemelli, proverete ad imporre il vostro gioco grazie al duo di straniere Dublo e Pessolano.Come sta andando?

R:Ci sono venute a mancare in un colpo solo quattro giocatrici, per noi molto importanti. La perdita di Isabella e Pintimalli, dovuta a motivi di studio, è poi l’ennesima conferma della marginalità della nostra regione che, con un’offerta universitaria poco adeguata, costringe moltissimi giovani ad “emigrare” altrove per completare il corso di studi.
La squadra è attualmente un cantiere aperto alla ricerca di nuovi equilibri che ci permettano di sfruttare, all’interno del gioco di assieme, le qualità di Dublo e Pessolano. Quest’ultima ha smaltito l’infortunio che ne aveva impedito l’utilizzo finora ed ha ripreso gli allenamenti. Speriamo di riavere tra una o due settimane anche Cristina Cosentini alle prese con i postumi di una distorsione alla caviglia. Così’ finalmente potremo disporre di tutto il roster ed allenarci al meglio anche perchè, finalmente possiamo disporre del PalaGreco. Ci aspetta un inizio di campionato molto impegnativo con due trasferte consecutive, la prima a Ragusa, formazione che ci ha sempre sconfitto in questi ultimi tre anni, la seconda a Messina con il S. Matteo tra le favorite del campionato, con in più rispetto al passato una Skrastina, giocatrice decisamente di altra categoria, e la brava ala reggina Larissa Smorto.
Utilizzeremo questo ultimo periodo per rifinire la preparazione ed essere pronti per l’inizio della stagione.

Intervista di Giovanni Mafrici per Reggioacanestro.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons