Non accetterò nessuna nuova destinazione:dobbiamo giocare a Reggio

Uno stralcio dalla Conferenza che vi riproporremo integralmente nelle prossime ore

A me non mi prendono per il “culo”: e parlo del Palazzetto.

Mi sono avvalso in questa esperienza di collaboratori con “due palle così”: quando tutti quanti erano al mare, l’Ingegnere Franco, a titolo di amicizia nei confronti della Viola, era a cercare carte negli uffici.

Ci sono aziende che stanno investendo su questa operazione: per la prima squadra, per le giovanili per il nostro basket in carrozzina.

Questa città insegue le schifezze e non si accorge di niente: e qua dormiamo.

Il PalaCalafiore è stato consegnato dalla Procura 18 Febbraio 2013: sono diciannove mesi!!

Si costruisce in una città in diciannove mesi.

Per diciassette mesi non è successo nulla: ed anche la società ha la sua responsabilità perchè la mia uscita di oggi andava fatta sei mesi fa.

Devo dirvi che in due mesi al Comune hanno lavorato: ringrazio i dirigenti Cammara e Stracuzza.

Il 12 Ottobre arriva Omegna ed io dove gioco?

Lo stato dell’arte è paradossale: siamo ad un passo dalla conclusione dei lavori.

Manca la perizia statica che dovrebbe essere consegnata entro otto giorni,manca  l’impianto di Caldaia e sono state individuate  e l’impianto antincendio: siamo ad un passo,manca un passo e rischiamo di fermarci.

Mi confronto tutti i giorni con la proprietà: se non parte il sistema la famosa linfa non arriva ed il film finisce: la prima squadra verrà ritirata.

Questo vuole la città?

Chiedo espressamente da oggi a tutti quanti, anche alla politica cittadina.

Cosa aspettiamo a pretendere i nostri diritti?

Siamo schiavi nel Dna?

Nessuno dice “A”.

Vogliamo essere schiavi? Io no e se serve ci metto la faccia.

Se la città non mette in condizione per diciassette mesi alla più prestigiosa formazione della Calabria di scendere in campo e nessuno muove un dito.

Non faremo giri per la Calabria se non giocheremo a Reggio ci ritireremo.

Che ciascuno vigili e che ciascuno si prende la sua responsabilità: nello sport la parte più pulita sta sembre in campo.

Qui,invece,facciamo filosofia:passano i mesi, gli anni ma con le soluzioni tampone non si può investire.

Trecento abbonamenti perchè la gente non ci crede, viviamo in una città di Merda: morire da schiavo non ci sto.

Tutti abbiamo una faccia; sto raccontando al mondo intero che giocheremo al PalaCalafiore.

Quanto può durare un bluff?

In concreto:chiedo che ciascuno di noi di verificare che quanto sappiamo:otto-dieci giorni.

Chiedo alla prima squadra di entrare dentro il Palazzetto.

Chiederemo ufficialmente che ove entro la data del 12 si completino tutte le attività di ripristino ma non sia ancora completata la pratica dell’agibilità definitiva chiedo formalmente che a quel punto, non mi interessa se un sindaco o un prefetto, firmino la deroga come hanno già fatto sindaci come Falcomatà,Naccari e Scopelliti.

Non aspetteremo a lungo io alla proprietà,siccome si gioca con i soldi loro, non lo posso chiedere.

Spero che questa incazzatura passi nei cuori e nelle anime di tutti voi.

Ciascuno per il proprio ruolo:ricapitolo e chiudo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons