Rugolo torna bambino,adesso è un Under della Viola

 

 

Lo avevamo anticipato, adesso è ufficiale.La buona notizia è arrivata, la Viol haavrà un roster più lungo non grazie ad una nuova mossa di mercato ma grazie ad una richiesta che ha dato l’esito che tutti gli sportivi reggini si aspettavano.

La Viola ha un “Under” in più e non è di certo un giovanotto alle prime armi.Non è un classe 1992 o 93 ha ben trentun’anni ma ha dentro se lo spirito di un giovanotto alle prime esperienze nel basket che conta.

Giovanni Rugolo,classe 1981 è il nuovo giocatore “giovanile” della Viola e potrà disputare le gare diventando un tassello tra i cinque atleti “Under” della formazione reggina.Si affiancherà dunque al nuovo duo di esterni formato da Sabbatino e Ricci,all’argentino Fabi ad un Germani in netta crescita nel pacchetto dei giovani della Viola, spot dove si sono alternati con buoni risultati anche il play Rappoccio e l’esterno Riccardo Costa.

Grazie ad una richiesta scritta su carta e penna dall’atleta, lo “status” del giocatore diventa una novità super per lo scacchiere di Coach Ponticiello: “La società comunica che, il Consiglio Federale, nella seduta del 24 novembre, ha accolto l’istanza di fidelizzazione dell’atleta Giovanni Rugolo, e l’ufficio tesseramento ne ha varato il cambio di status, in considerazione del passato cestistico che ha legato l’atleta alla Viola Reggio Calabria”.

Nella lettera in questione l’atleta ha ripercorso la sua carriera cestistica:Dai primi passi al minibasket al Liceo Leonardo Da Vinci(primissima versione del Centro Viola) all’età di quattro anni e mezzo nel 1985 fino a tutta la trafila giovanile coordinata da Coach Gebbia fino agli esordi in A1 con la Viola di Manu Ginobili.Le soddisfazioni personali ed un ultimo ritorno in Lega Due con l’ultima grande Viola, formazione dove Rugolo era stato addirittura graduato con le stellette da capitano.

Per una volta,in mezzo ad una confusione nazionale generale totale, la Fip ha agito con buon senso analizzando il percorso dell’atleta e non i continui cambi di denominazione del sodalizio nero-arancio,divenuta una società nuova di zecca solamente quattro stagioni fa con la ripartenza prima sotto la gestione Barrile e subito dopo con il nuovo corso Muscolino iniziato tre stagioni fa.

Un caso analogo è avvenuto a Verona con il tesseramento di Boscagin, giocatore che ha dato al reggino Rugolo l’idea di poter concretizzare questo sogno.

La nuova canotta numero 23 della compagine di Reggio Calabria, con questo nuovo “status” rende ancor più competitiva la formazione di Coach Ponticiello.Una formazione rinvigorita dopo la vittoria con Bari e pronta a scalare la classifica  per iniziare a sognare il nuovo obiettivo:La Lega Due Silver.

Rugolo ha sempre dimostrato grande attaccamento alla città.Lo ha dichiarato nella sua ultima intervista nel pregara di Viola-Bari:ama giocare nell’unico playground cittadino,il campetto di Santa Caterina dove si è allenato nei tre contro tre con l’umiltà di un ragazzino alle prime armi.L’auspicio è che tutta la sua grinta possa servire a questa Viola impegnata nella missione impossibile di ritornare in zona tranquillità.

Vi lasciamo alla prima foto storica del Rugolo giocatore di MiniBasket(è il quinto nella fila accanto al Coach Barreca) insieme alla sua squadra 80-81 al Liceo Vinci(Grazie Pasquale Favano) in compagnia di Giovanni Mafrici di Reggioacanestro di Massimo Comi della Botteghelle Basket,il grande Andrea Mauro ma non solo..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons