Viola,serve l’impresa

Grande basket al PalaCalafiore: alle ore 18 c’è Bermè contro Moncada.Obiettivi diversi ma la stessa voglia di vincere.

Sfida per “palati fini” al PalaCalafiore di Reggio Calabria.
La Serie A2 è pronta ad infiammare il maxi-impianto reggino.
Una classica del basket meridionale, diventata tale dopo i trascorsi in Serie B e le successive serie di campionato, si ripropone più forte ed appassionante che mai.
Una Bermè bisognosa di punti vitali per fuggire dalla zona rossa, denominata PlayOut, affronta la Moncada Agrigento, orologio perfetto che ha tutte le ambizioni di sorta per accaparrarsi il primo posto a fine stagione provando a battere la concorrenza di Orsi Tortona e Givova Scafati.
Alla Viola, reduce dalla grintosa vittoria in rimonta al Biella Forum, serve l’atteggiamento giusto, continuità e tanta rabbia agonistica per battere una società che lavora molto bene da tanti anni:ad un passo dalla A1 nella passata stagione, sempre vincente o quasi contro la Viola(memorabile il successo dei reggini di Coach Ponticiello al PalaMoncada tre anni fa)
La Moncada? Società organizzata.
Il Ds Christian Mayer è reduce da una proficua esperienza in Turchia per “rubare” mestieri e segreti al Fenerbahce di Gherardini dove gioca Gigi Datome.
I siciliani hanno sfiorato la promozione in A1 nella passata stagione cedendo il passo al Torino.
Oggi, ci riproveranno senza mollare nulla: i ricordi negativi della maxi sconfitta in casa contro Latina sembrano lontani.La Fortitudo è reduce dalla vittoria super contro Scafati.
Alessandro Piazza, beniamino della curva della Viola per un breve e positivo periodo(l’anno della promozione in Silver dopo un inizio di campionato disastroso) è ormai un punto di riferimento eccezionale per tutto il movimento dei siciliani, ha recuperato e darà il suo contributo.
Lo spettacolare Martin ed il concreto centro Eaterthon (molto simile all’ex Viola Casey Shaw) sono i nuovi americani di un team che sa come cambiare pedine senza cambiare identità.
Il merito è, da sempre, del Coach Franco Ciani, assistente di Coach Frates ai tempi di Gorizia ed uno degli allenatori emergenti più quotati d’Italia.
In casa Viola è la giornata dell’Orgoglio Nero-arancio, giornata che, nella passata stagione annoverò numeri da urlo in occasione della sfida contro la De Longhi di Treviso.
La società ha chiamato a raccolta i tifosi all’interno di questo momento negativo che dura da inizio stagione: in relazione ai risultati dagli altri campi non si può più sbagliare.
Serve l’impresa.

Arbitrano i signori Valerio Grigioni di Roma, Daniele Caruso di Pavia e Marco Catani di Pescara.

Viola,serve l’impresa

Sfida per “palati fini” al PalaCalafiore di Reggio Calabria.

La Serie A2 è pronta ad infiammare il maxi-impianto reggino.

Una classica del basket meridionale, diventata tale dopo i trascorsi in Serie B e le successive serie di campionato, si ripropone più forte ed appassionante che mai.

Una Bermè bisognosa di punti vitali per fuggire dalla zona rossa, denominata PlayOut, affronta la Moncada Agrigento, orologio perfetto che ha tutte le ambizioni di sorta per accaparrarsi il primo posto a fine stagione provando a battere la concorrenza di Orsi Tortona e Givova Scafati.

Alla Viola, reduce dalla grintosa vittoria in rimonta al Biella Forum, serve l’atteggiamento giusto, continuità e tanta rabbia agonistica per battere una società che lavora molto bene da tanti anni:ad un passo dalla A1 nella passata stagione, sempre vincente o quasi contro la Viola(memorabile il successo dei reggini di Coach Ponticiello al PalaMoncada tre anni fa)

La Moncada? Società organizzata.

Il Ds Christian Mayer è reduce da una proficua esperienza in Turchia per “rubare” mestieri e segreti al Fenerbahce di Gherardini dove gioca Gigi Datome.

I siciliani hanno sfiorato la promozione in A1 nella passata stagione cedendo il passo al Torino.

Oggi, ci riproveranno senza mollare nulla: i ricordi negativi della maxi sconfitta in casa contro Latina sembrano lontani.La Fortitudo è reduce dalla vittoria super contro Scafati.

Alessandro Piazza, beniamino della curva della Viola per un breve e positivo periodo(l’anno della promozione in Silver dopo un inizio di campionato disastroso) è ormai un punto di riferimento eccezionale per tutto il movimento dei siciliani, ha recuperato e darà il suo contributo.

Lo spettacolare Martin ed il concreto centro Eaterthon (molto simile all’ex Viola Casey Shaw) sono i nuovi americani di un team che sa come cambiare pedine senza cambiare identità.

Il merito è, da sempre, del Coach Franco Ciani, assistente di Coach Frates ai tempi di Gorizia ed uno degli allenatori emergenti più quotati d’Italia.

In casa Viola è la giornata dell’Orgoglio Nero-arancio, giornata che, nella passata stagione annoverò numeri da urlo in occasione della sfida contro la De Longhi di Treviso.

La società ha chiamato a raccolta i tifosi all’interno di questo momento negativo che dura da inizio stagione: in relazione ai risultati dagli altri campi non si può più sbagliare.

Serve l’impresa.

Arbitrano i signori Valerio Grigioni di Roma, Daniele Caruso di Pavia e Marco Catani di Pescara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons