B Femminile: Indomita da tris, battuta anche la matricola Odysseus ME

 Coach Ardizzone, pur contando sulle migliori tiratrici Currò e Arigò, deve per forza di cose fare i conti con la mancanza di centimetri in campo da parte delle sue atlete, deficit che porterà la formazione dell’Odysseus a soffrire per tutta la gara la maggior presenza a rimbalzo della Dublo (stratosferica la sua prova con 36 punti sugli 80 realizzati dall’Indomita fino al 34’, ovvero fino a quando coach Righini ha lasciato la propria fuoriclasse sul parquet concedendole poi, a risultato ampiamente acquisito, un po’ di riposo) e G. Coluccio (per lei anche 18 punti e belle stoppate sulle avversarie).

Padrone di casa in campo al fischio arbitrale con Esposito, Pessolano, Siciliano, Amendola e Dublo; ospiti che rispondono con Currò, Cardia, Arigò, Valenti e Tripoli. L’Indomita impiega qualche minuto per prendere le misure ad un avversario sconosciuto (5-8 l’unico vantaggio ospite), poi stravolge il match a proprio piacimento con un maxi-parziale di 17-0  incanalando la gara a senso unico fino alla fine. Dublo, Pessolano ed Esposito le protagoniste dei primi 10’ con la n. 6 argentina che dopo 4’ con un gioco da 3 punti (canestro e libero realizzato per fallo subìto) annulla il vantaggio delle messinesi (10-8). Siciliano porta per la prima volta lo stacco in doppia cifra (18-8) seguita a ruota da Dublo e Coluccio (22-8). L’Odysseus soffre molto la velocità di una Pessolano che pur realizzando solo 6 punti in gara si rivela fondamentale nelle palle recuperate mettendo così in condizione le compagne di dar vita a repentini cambi di campo bissando le manovre di attacco. Nella seconda metà del tempo la difesa bianco-azzurra permetterà alle avversarie di sbloccare il risultato solo dalla lunetta: è la Currò a mettere fine alla lunga astinenza delle isolane realizzando 22-9 seguita poi dalla Sciliberto più precisa della compagna (22-11). Sul fronte opposto Siciliano ai liberi sbaglia entrambe le opportunità concessele, ma è Daniela Dublo pronta a catturare il rimbalzo ed infilare il 24-11 subendo anche un fallo ma fallendo il possibile gioco da tre. Dall’altra parte stoppata di G. Coluccio su tentativo dell’Odysseus che chiude il tempo con Morabito dalla lunetta (24-13) mentre la solita Dublo manda le squadre al primo riposo doppiando le messinesi sul 26-13. Nel secondo tempo coach Righini concede minuti importanti a Cosentini che realizza il suo primo punto in questo campionato dalla lunetta (35-19). E’ un’Indomita che mette a frutto gli schemi provati in settimana: Pessolano recupera due palloni consecutivi, con il primo serve Esposito che lo perde sulla fascia laterale, con il secondo serve Dublo che si destreggia in area lasciando ferma la difesa avversaria e realizza il 43-19. Ancora bagarre sotto il canestro ospite, si lotta a rimbalzo mentre la difesa dell’Odysseus dimentica una Dublo smarcata sulla linea del perimetro, l’assist delle compagne è tutto per lei che a pochi secondi dalla sirena infila la seconda tripla della serata e manda tutte negli spogliatoi con un 46-21 di metà gara.

Alla ripresa coach Righini conferma in campo Cosentini al posto di Siciliano mentre le ospiti optano per Morabito e De Francesco al posto di Cardia e Valenti. Le peloritane sono sospinte dalla sola Arigò che realizza in questa terza frazione 10 punti frutto di un’unica tripla e sette tiri liberi mentre sul fronte Indomita il vantaggio aumenta lentamente grazie anche all’intesa Esposito-Astorino fino al 70-37 al 30’. L’ultimo tempo è pura formalità per le padrone di casa con coach Righini che manda in campo anche Szafran e L. Coluccio concedendo un meritato riposo alle prime linee. Da riportare il 36simo punto di Dublo che realizza l’80-43 prima di lasciare il campo tra gli applausi generali sostituita da Szafran e la tripla liberatrice di Siciliano per il +40 (89-49) a 3:30” dalla fine. Vantaggio che rimarrà invariato fino al suono della sirena anche grazie alle ultime incursioni di Esposito ed Astorino che firmerà il 95-55 finale.

Seconda sconfitta su altrettante gare disputate per l’Odysseus Messina che paga dazio nella categoria per inesperienza e per un roster a cui obiettivamente manca qualche pedina da poter sfruttare sotto canestro e che riesca a far ripartire il gioco per le esterne.

La terza vittoria su tre gare permette invece alle calabresi di confermare la leadership in classifica  condivisa ora solamente con l’Azzurra Patti vincente nell’anticipo del sabato sul campo del Trogylos Priolo e staccando l’Otium PA sconfitta dall’Elefantino CT, proprio  prossimo avversario di capitan Amendola e compagne nella quarta giornata di campionato in programma sabato 20 Novembre alle ore 16:00.

Questo il tabellino della gara:

INDOMITA CATANZARO – ODYSSEUS MESSINA 95-55

(26-13, 46-21, 70-37, 95-55)

INDOMITA CATANZARO: Astorino 10, Pessolano 6, Coluccio L., Szafran, Coluccio G. 18, Dublo 36, Amendola 2, Carbonari ne, Siciliano 5, Fregola, Cosentini 1, Esposito 17. Coach: Nando Righini

ODYSSEUS MESSINA : Currò 11, Morabito 6, Amato, Cardia 2, Arigò 22, Sturniolo, Micale, Valenti 5, Tricoli 2, Sciliberto 7, De Francesco. Coach: Giusy Ardizzone

ARBITRI: Francesco Avila e Roberto Porcino da Reggio Calabria

Maria Rosa Taverniti per Reggioacanestro.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons