B Femminile: Laura Pessolano, l’argentina bionda dell’Indomita Catanzaro

voluta fortemente a Catanzaro dal patron Siciliano e dal presidente Felicetti: Laura Pessolano, atleta dotata di un discreto tiro ma soprattutto di tanta velocità che mette a disposizione della squadra innescando recuperi e rapidi contropiedi.

D: Allora Laura, la gara contro la Lazur CT non è stata propriamente una passeggiata anche se la classifica non sorride alle etnee.

R: La Lazur CT è una buona squadra, formata da ragazze interessanti e che gioca in modo veloce e ordinato, non credo che l’attuale classifica le renda merito. La partita di domenica sera è stata molto fisica, le nostre avversarie hanno difeso forte per tutti i 40 minuti senza mai mollare. Noi abbiamo iniziato bene ma poi abbiamo commesso molti errori in difesa che hanno permesso alle catanesi di sfruttare rapidi contropiedi e segnare facilmente. Da questo ne è scaturito anche un attacco troppo disordinato che non sfruttava le giuste posizioni in campo così abbiamo subito 32 punti nei primi 20 minuti ma solo 14 nella seconda parte della gara. Infatti dopo l’intervallo siamo uscite dagli spogliatoi con un’altra mentalità, abbiamo iniziato a difendere forte, soprattutto sulle loro esterne, recuperare tanti palloni e sfruttare i contropiedi arrivando così alla vittoria.

D: Sei a Catanzaro già da qualche mese. Come ti trovi in questo nuovo ambiente?

R: Mi trovo molto bene all’interno di questa squadra. E’ un gruppo sano e con tanta voglia di imparare, dalle più piccole alle più grandi. Quando stiamo assieme non si avverte la differenza di età, le altre ragazze si conoscono e giocano assieme da tempo ma io mi sento già una di loro. Anche la Società mi coccola tanto, sia il presidente che la dirigenza sono molto premurosi verso di me, mi assistono e mi aiutano in tutto e poi mi sono già integrata perfettamente nella vita di questa città.

D: Hai ritardato l’inizio della preparazione tecnica per un infortunio che non ti ha permesso di sfruttare il pre-campionato. Come ti sei trovata?

R: Dopo il mio infortunio in estate ho dovuto sostenere sedute extra di allenamento, sia pesistica che atletica. Non ho potuto inserirmi da subito negli schemi della squadra durante il ritiro di Norcia ma già dal ritorno a Catanzaro ho iniziato un lento recupero che mi ha permesso di riprendere quanto perso in quei giorni. Adesso cerco di fare del mio meglio, in campo sto bene e con le compagne c’è la giusta intesa. Nei nostri giochi sfruttiamo soprattutto la velocità e questo fino al momento sembra funzionare. Naturalmente posso avere prestazioni buone e altre meno, io mi impegno sempre al massimo come tutte le altre ragazze e sono sicura che giocando di squadra arriveremo al nostro obiettivo.

D: Domenica a Catanzaro arriva l’Otium Palermo. Che gara sarà?

R: Non conosco bene le nostre prossime avversarie. So che è una squadra in gran parte rinnovata, sia come giocatrici che come guida tecnica. Conosco Annalisa Cavarretta con cui ho giocato assieme lo scorso anno a Termini Imerese. Sicuramente sarà una partita difficile, un po’ come tutte le altre, ma noi ci stiamo allenando per affrontare ogni avversario nel miglior modo possibile.

Grazie Laura e un grosso in bocca al lupo!

 

Intervista di Maria Rosa Tavernit per Reggioacanestro.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons