Grande voglia di fare

 

 

Un anno ricco ed intenso:La famiglia Russo è attivissima nella Pallacanestro giovanile e non,come sta andando?

Beh! Arrivati a questo punto, sinceramente stanchi ma ancora con tanta voglia di chiudere bene l’anno in corso, visto che ancora c’è da fare, su tutti i fronti.

Capitolo Viola:a tuo avviso quanto è servita la funzione “traino” della prima squadra per accrescere il vostro lavoro sul settore giovanile?

Rispetto ai miei tempi, è ben più difficile fare riferimento ad una prima squadra, che comunque comincia per fortuna a tornare in auge, poi però, ritrovarsi i giocatori che si allenano prima o dopo di noi è un buon modo per far vedere ai ragazzini a cosa vogliamo arrivare, soprattutto per me che mi presto volentieri a discutere e parlare con i mini atleti curiosi e volenterosi, come sono i ragazzi che mi sono stati affidati quest’anno.

Dal campo alla panchina:quanto pagheresti per ritornare un ragazzo dell’Under 15?

Un assegno in bianco direi; in verità io under 15 ancora neanche giocavo, ma da quando ho iniziato (juniores si diceva all’epoca), ho tanti di quei ricordi e sono tutti presenti nella mia mente; cerco di trasmettere la mia passione a chi viene a sudare con me in palestra, semplicemente.

Capitolo Basket “giocato”:come si sta sviluppando l’attività legata alla Fortitudo Pellaro?Quali sono i vostri progetti per il futuro?

Alla Fortitudo abbiamo tante cose da realizzare ancora, nonostante mi ritengasoddisfatto di quello che già abbiamo fatto: mi riferisco alla collaborazione con altre associazioni sul territorio; alla formazione che stiamo garantendo ai nostri collaboratori; poi sportivamente parlando un’under 17, una promozione, un torneo CSI, un settore minibasket crescente nei numeri e nella qualità, per una piccola realtà è un gran progetto, con tutti i nostri limiti.

Hai assistito alle “Final Four” Under 15:a tuo avviso,anche in chiave complessiva,pensi che ci sarà un ricambio generazionale all’interno dei campionati senior?

Le finali Under 15 mi hanno permesso di vedere quello che dovrebbe essere il meglio della Calabria, e purtroppo a mio avviso, al momento è davvero poco; ma ovviamente e per fortuna si sta lavorando, che è la cosa essenziale, ed in prospettiva i buchi creati nel tempo si spera possano essere colmati.
In funzione di un ricambio generazionale, ci ha pensato anche l’istituzione Fip a “svecchiare” introducendo parametri, limiti sui senior, sull’over 35 se non sbaglio….tanto poi, ancora ci ritroviamo tutti in promozione….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons