La Gioiese sfiora l’impresa,Redel da rivedere con due punti nel sacco

 

 

I reggini giocano una partita sottotono e raddrizzano la situazione solamente sul finale di gara con un bel colpo di coda contro una “stremata” formazione ospite.

I pronostici della vigilia erano tutti per Reggio nel re-match della finale PlayOff di tre anni in CRegionale.Non ci sono più americani,inglesi e senegalesi ma lo spettacolo è arrivato,diretto ed efficace da una gara letteralmente imprevedibile.

Scrivere una trama del genere ad inizio gara sarebbe stato realmente impossibile.La Redel delude,perde Zampogna per strada per una nuova botta facciale ed ha dovuto fare a meno di uno Scaffidi in panca solo per onor di firma.La Gioiese,invece, non schiera il più “anziano” degli under il 93 Speranza.

La forza della Cestistica arriva dalla voglia di tanti ex o “quasi ex” con voglia di vincere.Gli ospiti partono alla grande.Barreca riscalda la mano,Viglianisi inizia a stupire,Vincenzo Meduri segna la tripla del 2-10..

La Redel dopo due minuti è già sotto di otto.Il Time-Out chiamato dai locali scuote un pò una squadra assolutamente involuta.

Dimostrazione di coraggio e grande voglia per Meduri e soci che giocano un basket pulito,essenziale e molto efficace.I canestri di Zampogna e Pellicanò firmano il primo avvicinamento dei reggini ma Genovese cattura tantissimi rimbalzi in difesa e colpisce molto bene in attacco.Alla Redel non ne va bene una:Zampogna è costretto ad uscire dal campo per un brutto taglio sotto al mento,infortunio analogo a quello subito due settimane fa in allenamento.

Brandon Viglianisi diventa un fattore e si esalta a suon di showtime:realizza un canestro dopo l’altro, si esalta con una tripla tabellone-canestro al termine dei 24.In campo c’è solo la Gioiese che grazie alle triple di Meduri ritorna in vantaggio con una solida doppia cifra..

Gli unici segnali di ripresa per la Redel arrivano da Matteo Stracuzzi,atleta vicino alle cento presenze in canotta Vis:il classe 92 è molto concreto al tiro e tiene a galla i suoi.La Redel recupera e sorpassa con Vazzana a metà tempo:il match entra sui binari dell’equilibrio.Equilibrio fino al termine? Assolutamente no.La Gioiese al rientro dagi spogliatoi macina gioco e punti:Meduri e De Marco girano a mille e danno tutto quello che hanno fino al più dodici.

Nell’ultimo quarto Gioia paga tanta stanchezza.Coach D’Arrigo azzecca il quintetto giusto,senza play con Stracuzzi e Pellicanò in regia e deve dire grazie al giovane Antonio Semerano,utilizzato pochissimo in questo inizio di campionato fondamentale per questa vittoria.

I possessi decisivi li vince la Redel  con due belle giocate di Marseglia.La Gioiese si “mangia le mani” per un’impresa sfiorata.I reggini non convincono assolutamente.Alla Gioiese va un dieci meno:con un’altro finale di gara  avremmo parlato di impresa.

 

 

Redel Vis Reggio Calabria – Cest. Gioiese Gioia Tauro 71-66

(19-22, 22-16, 11-22, 19-6)

Vis:Grasso 12,Pellicanò 17,Marseglia 5,Vazzana 9,Zampogna 11,Stracuzzi 11,Soldatesca 2,Semerano 4,Scaffidi ne,Cedro ne.All Checco D’Arrigo Ass Iliano Sant’Ambrogio

Gioiese:Meduri 14,Barreca 14,Genovese 11,Viglianisi 17,De Marco 8,Brienza 2,La Russa,Cuzzola,Scordino,Pandolfi.All Pasquale Motta Ass Seby D’Agostino

Arbitri:Andrea Federico Castorina di Giarre e Cristina Teresa Luca di Catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons