Paolo Strati e la voglia di stupire del Nuovo Basket Soccorso

 

Quali sono le novità in casa NBS?
R:Tante novità quest’anno: la società ha lavorato benissimo riuscendo ad intervenire li dove c’era bisogno: nascono cosi gli arrivi in doppio tesseramento dei due lunghi Tallo e Surace,entrambi apprezzati da avversari l’anno scorso; l’arrivo,sempre in doppio, di Andrea Schiavone, giovane che si sta affermando anche in C2 e l’acquisto di Giuseppe Dascola, play\guardia dell’indiscusso valore che porta con se un notevole bagaglio tecnico oltre che di tanta esperienza maturata qui in Calabria e non solo.

Campionato ridotto, atipico e con meno giovani. Cosa ne pensi della serie D 2010/11?
R:Quando ho ricevuto il calendario e ho visto solo 8 squadre iscritte,per un campionato ridotto ai minimi termini, ho avuto prova di come il basket sia in difficoltà. Se pensiamo che la Serie D è un campionato che negli anni ha sempre rappresentato il serbatoio per piccoli campioncini da lanciare nelle serie superiori ed è sempre stato un campionato con almeno 14 squadre, la situazione attuale dovrebbe far riflettere più d’uno. Regole assurde, costi sempre maggiori e  impianti non adeguati hanno fatto si che oggi ci ritroviamo solo 8 squadre iscritte in quello che dovrebbe essere il secondo campionato regionale per importanza.

Il tuo sogno legato al Nuovo Basket Soccorso?
R:Il sogno,che è un pò il sogno di tutti coloro gravitano nell’universo NBS, è vedere sempre più in alto questa squadra. Il mio di sogno è vedere un giorno,uno dei tanti ragazzi della Scuola Basket e Minibasket NBS, esordire con la prima squadra.

Grazie Gianni e un saluto a tutti gli amici di Reggioacanestro

Intervista di Giovanni Mafrici per Reggioacanestro.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons