TEMPO DI PARTITISSIMA:ALLE 16 C’E’ GIOIESE-POLLINO

Domenica 14 gennaio, Palamangione, ore 16: va in scena un classico delle ultime tre stagioni, la partita che determinerá la prima della classe nel campionato di serie Dr1 calabrese.
Pollino ha perso solo una volta in questa stagione, battuto con un ultimo quarto da urlo dagli esperti e solidi pianopolesi; Gioia Tauro ha invece segnato l’unica battuta di arresto proprio nella gara di andata, contro la Pollino migliore della stagione e con qualche assenza pesante.
I Lupi silani, guidati con la solita sapienza e intransigenza da coach Silella, hanno cambiato molto in questa stagione: persi Campolongo, Donato, Zicari e Borgesano, hanno però aggiunto i centimetri e la forza di Daniele Russo, la precisione al tiro di D’Agostino e Vincenzo e Perrone, e qualche promettente giovane del vivaio. Accanto ai soliti top di categoria, Raffaele Rennis, Luca Gazineo e Francesco Filpo, a guardarli sono una corazzata, fisica e tecnica. Una squadra che non sfigurerebbe in categoria superiore, vantando una batteria di lunghi ( non si possono infatti dimenticare i forti ed esperti Falbo e Andrea Perrone) che nessuno può permettersi in questo campionato.
E la Cestistica Gioiese? I fatti e le vittorie nei campionati giovanili mostrano, senza dubbio, che Aldo e Antonio Travia hanno costruito, nel tempo, la migliore “cantera” calabrese, in fatto di vivai.

   Altra carta vincente è il coach, Giuseppe Polimeni, da queste parti ribattezzato Re Mida per la sua capacitá di trasformare in oro tutto quello su cui mette le mani, grande insegnante di pallacanestro e formidabile motivatore.
Ciccio e Peppe Russo sono i primi due tiratori da tre punti del campionato, insieme mettono dentro quasi otto triple a partita.
Salvatore De Gregorio, campano di nascita, gioiese di adozione, è un fuori categoria.
Francesco Pezzimenti e Jacopo Cutrì viaggiano in doppia di media punti a partita, da promesse a certezze. Michelangelo Germanò, Andrea Monea e Simone Lupoi sarebbero in quintetto quasi ovunque, e garantiscono rendimenti molto elevati. E poi ruotano altri sei sette giovani, a seconda delle scelte del coach, molto promettenti.

Che partita sará? Tirata, agonisticamente consistente, bellissima da guardare, anche se non decisiva, perchè i campionati si vincono a maggio.

Se sei un appassionato di basket, Cestistica Pollino non si può perdere: la storia dice che è meglio esserci.

A domenica 14 gennaio, al Palamangione, e vinca il migliore!

Show Buttons
Hide Buttons