Treviglio-Viola vista da vicino

{iframe} http://www.youtube.com/embed/X5xS48Sjvr4″ frameborder=”0″ allowfullscreen {/iframe}

 

Ogni sabato mattina, Radio Touring getta un ponte tra Reggio Calabria e Treviglio, un ponte virtuale, con Reggio vista da lontano una rubrica che guarda e sottolinea il buono che c’è a Reggio, nell’auspicio che da quel buono si possa sempre ripartire con forza, per superare le innumerevoli difficoltà.

Domani il ponte sarà una striscia neroarancio, la scia dell’aereo che conduce la Viola al PalaFacchetti di Treviglio.

 

Per la prima volta si incontrano due squadre che rappresentano il passato indelebile della mia vita ed il luogo dove ho costruito tutte le mie grandi responsabilità: famiglia, figlio, professione,intense esperienze giornalistiche.

Come dice Insogna, gm trevigliese e 36 anni orsono giocatore della Viola, sarà una partita dura e molto equilibrata, aldilà dei 6 punti di differenza in classifica.

Ha ragione il Gm, con Piazza e Rugolo, purtroppo assente, la Viola ha trovato un equilibrio rassicurante.

Dice il Giornale di Treviglio:” domenica arriva la Viola Reggio Calabria, in bassa classifica ma in netta ripresa con i nuovi innesti e con tanta voglia di riscattarsi”

Treviglio ruota attorno a Reati, un giovane di grande valore e spera nel recente arrivo di Pederzini, che la critica non ritiene necessario, in quanto si sarebbe dovuto agire in altra zona del campo.

Treviglio,settimana scorsa, ha perso ad Agrigento.

Reati si è lamentato perchè gli arbitri al Sud lasciano giocare difesa “mani addosso” .

Ma la verità è che anche nella valle dei templi si è confermato che nella seconda parte della partita per Treviglio arrivano difficoltà che nella prima parte neanche si intravedono (Ponticilello lo saprà certo).

Dunque una partita molto difficile ma certamente non c’è più quel abbisso che ci sarebbe stato solo qualche settima fà.

Si punta molto sulla voglia di Fabi di farsi rivedere bene dai suoi ex tifosi, sulla regia di Piazza, capace di innestare, con grande precisione e tempestività, Caprari e fratelli verso il canestro avversario.

Se non fosse stato periodo natalizio tanti sarebbero stati i tifosi neroarancio sugli spalti ma si confida comunque in un buon numero di ugole.

 

Domenico Durante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons