Viola in rampa di lancio verso Cadogno

, dove domenica 2 dicembre affronteranno il Casalpusterlengo. Una dura settimana di lavoro ha accompagnato i ragazzi alla prossima sfida, dopo l’entusiasmo della prima vittoria casalinga. “ E’ stata una settimana in cui nella testa di tutti è passato molto bene un messaggio semplice ma chiaro: abbiamo fatto qualcosa di buono ma vogliamo fare ancora molto meglio– ha commentato coach Ponticiello- anche i problemi fisici, frutto della dura e combattuta gara di domenica, sono apparsi molto meglio gestibili sull’onda emotiva del successo con Bari.” E proprio in riferimento alla prossima sfida, il coach ha dichiarato: “ Bisogna battere il ferro quado è caldo, il match con Casalpusterlengo è in questo senso importante, fare in modo di cavalcare l’onda del successo con Bari in una partita epica per la sua durezza fisica è il nostro primo obiettivo. Casalpusterlengo è una squadra forte ma noi abbiamo tutte le possibilità per portare pienamente a compimento il piano partita e prendere due punti importanti. Squadra di primissimo livello, con un organico importante costruito per centrare uno dei primi quattro posti e giocarsela tutta ai play off. Una squadra fisica, giovane, con tanti elementi che hanno congiuntamente qualità e quantità, che ha reagito molto bene all’avvento in panchina di Zanchi. Bisogna soprattutto attaccare mentalmente, costringendola a fare tutto ciò che non gli è congeniale.” A circa due settimane dal suo arrivo a Reggio Calabria, coach Ponticiello si dichiara soddisfatto dei primi frutti delle sue linee programmatiche di lavoro: “ Sono molto contento dell’atteggiamento dei ragazzi, sempre più reattivo, pronto vitale. Già con Perugia, con l’intervento da parte mia solo mentale, si era vista molta energia in più, con Bari si è iniziato a vedere anche qualcosa in più al piano strettamente tecnico, ma sarebbe riduttivo, assolutamente sbagliato, pensare che siamo già al top delle possibilità. Il lavoro da fare è tanto, adesso dobbiamo riuscire a farlo in una condizione emotivamente migliore sull’onda non della paura di perdere ma della voglia di vincere. Io credo che una squadra sia squadra se tutte le parti che la compongano riescono sempre a dare il meglio, con i ragazzi giovani è decisivo sia il fattore della fiducia ma anche attribuire in modo preciso dei compiti. È il lavoro che abbiamo fatto in questi 15 giorni, ridare tranquillità ai giovani di qualità che abbiamo in organico ma anche essere molto precisi nelle richieste tecniche nei loro riguardi: cosa debbano fare e con quale atteggiamento, è un po’ l’uovo di Colombo. Portare via dei punti dal campus di Codogno non sarà facile. Approcciare al match con grandissimo realismo sapendo di giocare contro una squadra forte e non contro una compagine qualsiasi è il primo importante tassello. Il secondo è però la convinzione, sapere che portando a compimento il piano partita e giocando con intensità almeno pari a domenica scorsa, un successo è possibile”.

 

 

Reggio Calabria, 30 -11-2012

Ufficio stampa

Viola Reggio Calabria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Show Buttons
Hide Buttons